Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Telecamere e Polizia municipale alla stazione e al Parco centrale: «Più sicurezza e vigilanza in città»

FOLLONICA – Grazie all’adesione di Follonica al “Patto per l’attuazione della sicurezza urbana” con la Prefettura, firmato a maggio, il Comune potrà contare «su finanziamenti ministeriali che ci permetteranno di infittire la rete di videosorveglianza, già molto ampia, che stiamo estendendo, fin dal nostro insediamento su tutta la città – afferma il sindaco di Follonica Andrea Benini -. Focalizzeremo la nostra attenzione su due aree della città che riteniamo strategiche e che crediamo necessitino di migliori e più coordinati cura e controllo: si tratta del Parco Centrale, nuovo cuore pulsante della città e della zona della stazione ferroviaria, snodo fondamentale per i pendolari, i turisti e tutti i cittadini di Follonica».

«Accanto alla videosorveglianza, che speriamo dia buoni risultati come deterrente, ci siamo già attivati per tradurre il Patto in azioni concrete ed immediate tramite una maggiore presenza della Polizia municipale, soprattutto in piazza Don Minzoni. L’obiettivo è quello di collaborare con le Forze dell’Ordine per eliminare eventuali situazioni di illegalità che creano problemi ai cittadini e garantire un presidio “umano” costante al fine di dare un punto di riferimento tangibile a chi ne avesse bisogno lavorando concretamente anche sul decoro dell’area. Vogliamo che la stazione, il primo punto di contatto con la città di Follonica, torni ad essere un biglietto da visita eccellente per la nostra città, maggiormente vivibile e decorosa».

«Insieme al Comandante della Polizia municipale – aggiunge il vicesindaco Andrea Pecorini – abbiamo dato agli agenti della Municipale l’obiettivo di maggior presidio della zona di piazza Don Minzoni e di piazza Caduti di Tienanmen per raggiungere un duplice scopo: quello di garantire maggior sicurezza ai cittadini e quello di vigilare su comportamenti scorretti di auto e autobus che, mantenendo i motori accesi anche durante lunghe soste, danneggiano i residenti della piazza Don Minzoni. Il presidio della Polizia municipale alla stazione va ad affiancarsi al lavoro che gli agenti svolgono ogni estate nella lotta alla contraffazione e al commercio abusivo e che, negli ultimi anni, ha portato al sequestro di ingenti quantità di merce contraffatta».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.