Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tolleranza zero contro chi abbandona i rifiuti: multe fino a seimila euro

GROSSETO – Controllo puntuale e repressione dura contro chi abbandona i rifiuti. Questo l’impegno del Comune nel lanciare una campagna di sensibilizzazione a ridosso del periodo estivo, notoriamente caratterizzato da un incremento significativo della produzione della nettezza urbana.

“Combattiamo comportamenti che non possiamo più tollerare – commenta Antonfrancesco Vivarelli Colonna, sindaco di Grosseto -. Non è più tollerabile soprattutto che la maleducazione di pochi finisca per avere ricadute pesanti sul costo totale del servizio per l’intera comunità. Ci impegneremo con una serie di azioni per prevenire e per contrastare: tolleranza zero contro chi abbandona”.

Chi verrà colto in flagranza di reato sarà punito con sanzioni pecuniarie fino a 3mila euro. In caso di rifiuti pericolosi, la somma arriva a 6mila euro. Per le attività commerciali e professionali, oltre alla multa in denaro fino 26mila euro, c’è la denuncia penale per abbandono rifiuti.

“Gli agenti della Polizia municipale monitoreranno il territorio anche in borghese – spiega Fausto Turbanti, assessore alla Pm – e a anche grazie ad un nuovo strumento: una telecamera mobile, dotata di un potente zoom e vista notturna, da installare sul tetto o all’interno della auto civetta che permetterà di scovare chi viola la legge”.

Si ricorda, a tal proposito, che il gestore Sei Toscana offre un servizio gratuito di ritiro degli ingombranti su prenotazione e permette il conferimento diretto, sempre gratuito, all’isola ecologica in via Zaffiro a Grosseto.

“L’abbandono di sostanze pericolose è un danno plurimo – spiega Simona Petrucci, assessore all’Ambiente -: da una parte economico, dovuto dal mancato recupero di elementi preziosi di cui il rifiuto è costituito, e dall’altro ambientale dato che sostanze particolari potrebbero infiltrarsi nel terreno fino a inquinare le falde acquifere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.