Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Estate: «Basta sfruttare gli stagionali, il lavoro c’è ma va pagato»

Più informazioni su

FOLLONICA – «Abbiamo letto con attenzione l’articolo dell’Associazione Ristoratori Castiglionesi che si lamenta perché non riesce a trovare lavoratori giovani alla prima esperienza, ma abbiamo letto anche i commenti all’articolo apparsi sui social online che dicono basta allo sfruttamento» a parlare è Rifondazione Comunista di Follonica, che commenta il dibattito social che si è scatenato dopo che i ristoratori avevano lamentato difficoltà di reclutamento del personale.

«“Dovete pagarci”, “vogliamo essere retribuiti il giusto”, “non vogliamo più essere sfruttati”, “pagateli!”. Tutti i commenti sono di questo tono e ci trovano d’accordo – scrive in una nota Rifondazione – le leggi degli ultimi decenni hanno facilitato lo sfruttamento “legalizzato” dei lavoratori e delle lavoratrici. Voucher, contratti a chiamata, cancellazione dell’Articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, solo Rifondazione raccolse le firme contro la sua cancellazione, ma il Presidente Napolitano sciolse le Camere dopo la consegna delle firme per nominare il Governo Monti, introduzione del jobs act. Dobbiamo continuare ancora? Ora basta».

«I lavoratori e le lavoratrici devono aver diritto a un lavoro e a uno stipendio dignitoso – prosegue Pro – anche nel rispetto di quella Costituzione difesa con il voto del referendum del Dicembre 2016. I giovani sono stufi di essere ricattati e giustamente si ribellano a questo stato di cose. Forse le associazioni padronali dovrebbero capire che ormai è finita l’era del ricatto e che non è vero che il lavoro non c’è: è che non lo volete pagare».

«Inoltre – sottolinea la nota – il richiamo alle problematiche della “scuola alberghiera” vuole forse essere un’allusione alla possibilità di far lavorare i giovani utilizzando la legge dell’alternanza scuola-lavoro? Quindi farli lavorare gratis? Se le normative, vedi ad esempio gli studi di settore, danneggiano i piccoli imprenditori, i datori di lavoratori dovrebbero protestare contro di esse e non a far ricadere la colpa sui giovani che cercano un lavoro, magari per mantenersi gli studi o per comprare il loro scooter o per pagarsi la prima vacanza. Oppure per essere semplicemente più indipendenti economicamente dai genitori».

«Come sempre saremo dalla parte dei lavoratori – conclude Pro – criticando tutte quelle scelte che mirano a ridurre i diritti e i salari dei lavoratori. Lo abbiamo fatto contro i governi Berlusconi, Monti e Renzi. Lo faremo oggi contro il governo Salvini-Conte, se non rispetterà la premessa di cancellare il Jobs Act».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.