Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vivarelli Colonna chiede le dimissioni del Cda di Sei Toscana: «Come sono stati spesi i nostri soldi?»

Più informazioni su

GROSSETO – «La gestione dei rifiuti in Toscana, declinata sugli Ato e affidata a Sei, è chiaramente disastrosa: chiediamo le dimissioni in toto del Cda di Sei Toscana». Così il sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna interviene sul tema rifiuti. «Chiediamo che i commissari prolunghino il loro impegno, che andrebbe in scadenza a fine mese, e verifichino nel dettaglio come Sei Toscana abbia speso i soldi dei contribuenti, visto il bilancio negativo. Proprio per questo chiediamo che il prefetto di Siena conferisca ai commissari mandato pieno non solo per il controllo della parte contrattuale ma anche di quella gestionale ed economica».

«Vogliamo che i Comuni si riprendano quei servizi nei quali Sei non riesce più a garantire qualità e costi sotto controllo – prosegue il primo cittadino -: da simulazioni svolte dal mio assessore Petrucci, infatti, una gestione diretta del Comune sullo spazzamento, ad esempio, permetterebbe un considerevole risparmio. Il Comune di Grosseto, fin dall’insediamento dell’attuale Amministrazione, ha combattuto con forza una battaglia sulle politiche ambientali in tutte le sedi deputate: Regione, Assemblea dei sindaci dell’Ato Toscana sud. Questo non per fare una sterile quanto inutile polemica, ma perché siamo sempre stati convinti che così com’è la gestione dei rifiuti non funzioni».

«La nostra Amministrazione è stata una delle poche che ha combattuto strenuamente fin dalla prima ora nel denunciare la gestione fallimentare di Sei Toscana, sia per il servizio indecoroso sia per l’immotivato aumento tariffario. Grosseto, per prima, ha denunciato la drastica diminuzione del potere di controllo dei sindaci, ormai inermi nella possibilità di difendere i cittadini che amministrano. Ha denunciato anche i pericoli della costituzione di un Ato unico, con l’aumento della distanza e dell’impotenza dei singoli Comune nella gestione delle politiche ambientali, sia in termini di operato che di tariffe».

«Ma siamo stati anche profondamente propositivi: la nostra Amministrazione ha fortemente voluto il nuovo Piano di gestione dei rifiuti che consideriamo una vera e propria rivoluzione nel servizio. Chi crede che Grosseto non sia impegnato in una profonda e convinta azione per rendere efficaci le proprie politiche ambientali forse è poco informato. Ma non è possibile che ogni modifica comporti passaggi plurimi e tempi geologici. Vogliamo che tutto questo cambi – conclude il sindaco -, sempre rimanendo al fianco dei lavoratori di Sei Toscana e dell’indotto il cui impegno prezioso sul territorio deve essere tutelato e garantito».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.