Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Spostamento della scuola, il no di genitori e associazioni: «Pronti a dare battaglia in tribunale»

SCARLINO – «Il popolo del Capoluogo scarlinese, ieri sera, al Circolo Arci, si è trovato unanime contro l’amministrazione comunale. Sul tavolo dell’assemblea, organizzata dall’Associazione Turistica Pro Loco Scarlino, dall’Associazione La Cisterna e da un gruppo agguerrito di genitori di allievi, c’era lo spostamento nella frazione di Scarlino Scalo della scuola di Scarlino» a parlare sono gli stessi organizzatori dell’incontro pubblico in una nota ufficiale, che dettaglia l’esito dell’assemblea: associazioni e genito minacciano un’ azione legale se sarà portato avanti il progetto di spostamento della scuola.

«Presenti – illustra la nota – anche il sindaco che fu, Maurizio Bizzarri, zitto per tutto il tempo a incassare le accuse a lui indirizzate, perché tutto iniziò durante il suo primo mandato di sindaco, con l’individuazione urbanistica per il nuovo plesso di via Dani per lo meno incomprensibile e l’attuale primo cittadino, Marcello Stella , il quale, invece, ha parlato, anche senza dire nulla di nuovo e, soprattutto, di convincente»

«L’edificio di via Dani, infatti – spiega la nota – è a ridosso del corso d’acqua Rigiolato, in zona a rischio idraulico 3, precluso a insediamenti di edifici sensibili e non rispetta la normativa sulle nuove costruzioni scolastiche; il Consiglio comunale deliberò nel 2008 che fosse per l’Elementare della frazione di Scarlino Scalo ma, dal 19 dicembre scorso, si sa che lo si vorrà utilizzare per tutta la scuola dell’”obbligo” del comune, quindi con il trasferimento di Medie ed Elementari del Capoluogo, ultimo, ennesimo colpo alla sopravvivenza di un centro storico, impoverito, forse senza possibilità di recupero, dalla spoliazione di ogni servizio pubblico, trasferito altrove per ignavia, insensibilità o volontà precisa delle varie amministrazioni, che si sono insediate negli ultimi venticinque anni».

«La riunione si è conclusa – chiude la nota – con lo spettro di un’azione legale contro le irregolarità amministrative evidenziate, che darebbe inizio a un percorso lungo e tortuoso, non certo benefico per i progetti dell’amministrazione comunale scarlinese».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.