Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Baccetti: «Paesi abbandonati e indebitamento alle stelle. Un comune al fallimento»

Più informazioni su

ROCCASTRADA – «Sindaco e giunta sono bravi soltanto a parole: paesi abbandonati, economia allo sfascio. Indebitamento alle stelle: oltre 900 euro ad abitante neonati compresi. Sei milioni di euro di evasione contributiva, un comune al fallimento». Afferma Simonetta Baccetti di “Insieme per Roccastrada”.

«Dopo tutti questi anni di opposizione e di contestazione del modo di amministrare da voi esercitato, a legislatura quasi finita, si evince una vostra incapacità amministrativa in linea con gli amministratori che vi hanno preceduto – prosegue la nota -, la sinistra che da oltre 70 anni gestisce il comune ha portato nel tempo dei danni economici all’ente, riducendo il medesimo a non avere i fondi a sufficienza nemmeno per la normale manutenzione, con un degrado latente in progressivo, sotto gli occhi di tutti i residenti e dei potenziali turisti che si allontanano sempre più copiosi da frazioni e capoluogo, abbandonati a se stessi o alla buona volontà delle associazioni cittadine che con le loro iniziative limitano i danni prodotti dalle vostre inefficienze. Alcune anche se datate continuerò a ripeterle all’infinito per ricordare ai cittadini dove sono stati buttati i loro soldi; vicenda San Martino, danni subiti da imprenditori e cittadini per mancato intervento, ed altre minori situazioni che hanno tolto alla spesa pubblica oltre 600 mila euro».

«Voglio ancora ricordare la spesa di oltre 6 milioni di euro, per un polo agroindustriale mai decollato, per il quale stiamo pagando sostanziali interessi, anche essi tolti dal fornire servizi e decoro alla collettività. Ma non pieni delle negative esperienze passate, continuate a proporre progetti costosi senza copertura certa, non si capisce se per incompetenza o voglia continua di campagna elettorale, esempio pratico è la progettazione e la voglia di costruire una scuola a Ribolla in un certo modo, e in un area non urbanizzata, pur avendo a disposizione aree più abbordabili e di proprietà dell’ente nella frazione, con la possibilità di edificare una scuola prefabbricata a minor costo, come hanno suggerito i tecnici e soprattutto in minor tempo, più o meno sei mesi, ma forse siete più interessati a fare propaganda elettorale che a risolvere celermente il problema, come del resto avete fatto con la caserma dei carabinieri a Roccastrada che sono oltre 10 anni che la trascinate e tirate in ballo a ogni tornata elettorale».

«In Tutto questo sfacelo amministrativo ci meraviglia la vostra incapacità di riscossione tributaria che oggi ha raggiunto la iperbolica cifra di circa 6 milioni di euro, una cifra che se incassata anche per metà avrebbe risolto i problemi del comune e dei cittadini che nonostante gli errori e le scelte sbagliate degli amministratori avrebbero goduto di paesi decenti da vivere . Sei milioni di euro, una cifra che sinceramente in altri comuni avrebbe prodotto il fallimento. Noi non siamo ufficialmente falliti ma l’azione amministrativa svolta fino ad oggi è stata sicuramente fallimentare, basti pensare che a Roccastrada ogni cittadino , neonati compresi hanno un debito di oltre 900 euro a testa». Conclude Baccetti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.