Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La natura rinasce dopo un incendio: l’esperienza di Castiglione. Gli interventi devono precedere la primavera

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA – A distanza di nove mesi le aree incendiate lo scorso anno sono tornate ad essere verdi. Come questo sia stato possibile è stato spiegato in un incontro che si è svolto a Roccamare, nel comune di Castiglione della Pescaia, per parlare dei tre incendi che la scorsa estate hanno colpito Castiglione.

«Grazie all’avvio tempestivo degli interventi di ripristino e riqualificazione ambientale, le aree percorse dal fuoco mostrano una ripresa vegetativa importante – affermano i relatori -. Come è stato evidenziato nel corso dell’incontro, in questi casi è necessario, al fine di ottenere la massima efficacia, che gli interventi debbano concludersi prima della primavera successiva all’evento, a ridosso della ripresa vegetativa. Gli alberi o quello che rimaneva subito dopo il passaggio dell’incendio, sono stati tagliati con metodi adatti a stimolarne la ricrescita, i fenomeni di erosione superficiale sono stati controllati attraverso opere di ingegneria naturalistica e di sistemazioni idraulico forestali, i corsi d’acqua, la viabilità forestale e le opere di salvaguardia sono state ripristinate e rese di nuovo efficaci».

«Mentre lo spegnimento degli incendi e la loro messa in sicurezza ha visto impegnati i vari soggetti competenti in materia (vigili del fuoco, enti regionali, associazioni di volontariato, Regione, Comuni e forze di polizia), il progetto ed i lavori di ripristino e riqualificazione sono stati eseguiti dalle Bandite di Scarlino in stretta collaborazione con il comune di Castiglione della Pescaia e la stessa Regione Toscana. Grazie a questi interventi oggi, passando per Castiglione della Pescaia, si notano alcune colline prive dei grandi alberi ma coperte da un manto verde di erbe e nuovi rigogli di arbusti ed alberi, facendo un po’ dimenticare l’orrenda vista dello scorso agosto, di un territorio martoriato dalle barbare mani dei piromani».

«Le Bandite di Scarlino – dice il sindaco Marcello Stella – hanno fornito un aiuto importante grazie alla loro costante formazione e a un attento lavoro di coordinamento degli interventi. Il servizio antincendi che svolgono nell’intero territorio dei Comuni di Scarlino, Follonica, Gavorrano e Castiglione della Pescaia è un’attività molto importante in una zona come la nostra, molto sensibile sia dal punto di vista vegetazionale e climatico sia a causa della massiccia presenza turistica in special modo d’estate».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.