Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sicurezza: da oggi Roccalbegna al lavoro per la video sorveglianza. Ecco il patto con il Prefetto

GROSSETO- «La sicurezza, declinata nelle sue differenti accezioni come sicurezza pubblica, sicurezza urbana, sicurezza sociale rientra tra le priorità istituzionali di Prefettura e Comune di Roccalbegna» a renderlo nota è la Prefettura.

«La legge n. 48 del 2017 ha ulteriormente disciplinato la materia – prosegue la Prefettura in una nota -fornendo nuovi e moderni strumenti in tema di sicurezza delle città, consentendo a Prefetti e Sindaci di sottoscrivere Patti e Protocolli; principali strumenti per la promozione della sicurezza urbana. Tra questi, assume rilievo la stipula di specifici accordi per l’installazione dei sistemi di videosorveglianza; strumenti che, coordinati con altre forme di prevenzione, contribuiscono efficacemente al contrasto dei fenomeni di “criminalità diffusa e predatoria”».

Queste le motivazioni che hanno determinato la sottoscrizione del “Patto per l’attuazione della sicurezza urbana” tra il Prefetto Cinzia Torraco ed il Sindaco Massimo Galli del Comune di Roccalbegna. «L’adozione del Patto – chiarisce la nota – consentirà al Comune di Roccalbegna anche la possibilità di formulare la richiesta di finanziamento per il nuovo progetto di videosorveglianza, che sarà esaminato da una apposita Commissione Ministeriale. Il Comune di Roccalbegna  intende rafforzare le azioni di prevenzione e di contrasto alle forme di illegalità presenti nel territorio del Comune con particolare riguardo ai punti ritenuti sensibili posti agli ingressi del capoluogo e nelle relative frazioni. Una ulteriore linea di azione, per fornire un efficace supporto agli organi di polizia, sarà l’installazione nelle vie di ingresso ed uscita dai centri urbani di sistemi di videosorveglianza per la rilevazione dei dati identificativi (targa) dei veicoli in transito, con l’impiego di specifici supporti tecnici per il monitoraggio e ricerca delle targhe dei veicoli transitati».

Le aree del territorio, dove il Comune di Roccalbegna ha evidenziato più accentuate situazioni di degrado ed illegalità interessate dal progetto, sono:
Installazione di impianti di monitoraggio e controllo:
Roccalbegna, in prossimità di plessi scolastici, uffici istituzionali e istituti bancari.
Installazione di impianti per la lettura targhe e il monitoraggio dei veicoli in transito nelle vie e strade di accesso ai centri abitati:
capoluogo di Roccalbegna, Via XXIV Maggio e S.P. n. 160
frazione Vallerona, Via delle Acacie e Via Lippi
frazione Cana, Via XXIV Maggio e Via Garibaldi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.