Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rifiuti, cittadini: «Il degrado aumenta e noi paghiamo anche più Tari. Spazzatura ovunque» fotogallery

Più informazioni su

GROSSETO – «Se l’intento era quello di superare la situazione di degrado e l’abbandono dei rifiuti, non ci sono riusciti, anzi, adesso paghiamo anche più Tari e il servizio è tutt’altro che migliorato». È questa la protesta di alcuni cittadini che vivono nell’Ottava Zona, alle porte della città di Grosseto.

«Circa un paio di mesi fa, nei primi giorni di aprile sono stati tolti i cassonetti della spazzatura che erano collocati all’inizio della  strada montianese fuori dall’uscita della quatto corsie al bivio per Montiano – affermano i residenti della zona -, il Comune ci ha comunicato che si voleva arginare una situazione di degrado, in quanto oltre ai normali rifiuti buttati dagli abitanti della zona venivano buttati rifiuti di ogni genere da cumuli di cassette della frutta a materiale edile; ma la grande quantità di spazzatura è causata anche da chi, da Montiano, per problemi con la raccolta differenziata in uso nel loro comune viene a buttare la spazzatura nel nostro Comune».

«Con la rimozione dei cassonetti la situazione non si è arginata, anzi, i rifiuti vengono abbandonati comunque e rimossi con molta più difficoltà perché dobbiamo segnalarli ed attendere. Altro aspetto da non sottovalutare, che con l’avvicinamento dei cassonetti alle case il problema non è cambiato infatti come si vede nell’ultima foto i secchi nella zona dell’Ottava Zona sono stracolmi e la spazzatura è sparsa nei campi degli agricoltori. Questa scelta è stata giustificata dal Comune dicendo che si cercava di migliorare il servizio, mentre così avremo un aumento della Tari, visto che i nuovi  cassonetti sono stati sistemati a meno di 500 metri dalle case, senza preoccuparsi di  invadere proprietà private, passi per l’accesso ai terreni coltivati, e i nuovi cassonetti sono sempre stracolmi perché svuotati di rado e riempiti da troppi».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.