Quantcast

La pineta malata, Chirici: «I giochi dei bambini devono essere spostati»

FOLLONICA – «Conosciamo tutti lo stato ormai di crisi della pineta di ponente e, in particolare, della zona tra viale Matteotti e la Pista dei Pini: dov’è il parco giochi, sono già stati tagliati molti pini e, quanto prima per evidenti ragioni di sicurezza, altri devono essere abbattuti» a parlare è Ettore Chirici, capogruppo di Gente di Follonica, che chiede lo spostamento dell’area giochi in un altro punto della pineta»

«Una volta tolti i circa 10 già seccati e pericolosi – dice Chirici – sarà scomparso circa il 90% degli alberi di quell’area. Il sole la farà ancor più da padrone ed il caldo sarà di conseguenza. A questo punto, per ragioni di sicurezza ma anche di utilizzo dei giochi per bambini, considerando i tempi per ricostruire un’area alberata, viene da domandarsi se non sia il caso di spostare i giochi stessi in altra zona della pineta, per esempio in prossimità della Pista dei Pini. In tal modo potremmo avere un decoroso ambiente per lo svago e il gioco dei bambini e la disponibilità dell’attuale area all’ingresso da viale Matteotti per procedere sia alla messa a dimora di nuove piante, sia alla creazione degli opportuni passaggi e spazi che, in futuro, possano rendere più compatibile la crescita e il mantenimento degli alberi con l’elevata presenza di bimbi ed adulti».

«In seguito – prosegue il capogruppo – nulla vieterebbe, poi, di riportare tutte le attrezzature nell’attuale area, oppure una parte, in modo da distribuire meglio l’affollamento e, magari, creare una sorta di parco esteso, “mischiando” il gioco con la didattica, come la creazione di punti di diversità biogenetica e di rappresentazione di ambienti simili».

«Il sottoscritto – conclude Chirici – chiede dunque all’Amministrazione, con riferimento alle condizioni del parco giochi, se abbia già un programma di miglioramento, se non ritenga opportuno, stante la situazione attuale e di peggioramento futuro, assumere una decisione drastica ed orientarsi verso la proposta sopra indicata».

Commenti