Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Malattie della tiroide: professionisti a confronto al convegno “Up date sulla patologia tiroidea”

in occasione della Settimana mondiale della tiroide Sabato 26 maggio, ex convento delle clarisse, Massa Marittima

Più informazioni su

MASSA MARITTIMA – La patologia tiroidea è una patologia ad alta prevalenza nel nostro contesto territoriale. A questa patologia infatti sarà dedicato l’importante convegno “Up date sulla patologia tiroidea”, organizzato dall’Asl Toscana sud est sabato 26 maggio, presso l’ex convento della Clarisse a Massa Marittima, in occasione della Settimana mondiale della tiroide 2018.

Tra le cause più frequenti delle malattie alla tiroide è la carenza di iodio, che è il costituente essenziale dell’ormone tiroideo e può provocare, a seconda dell’età della vita in cui si verifica e dell’entità, gozzo, formazione di noduli o ipertiroidismo. Per prevenirla è necessario che l’alimentazione quotidiana sia quanto più possibile varia e preveda il consumo di cibi a più alto contenuto di iodio quali pesce, latte e formaggi e integrata con sale arricchito di iodio (sale iodato).

“La formazione continua è un aspetto fondamentale del percorso professionale degli specialisti – afferma Massimo Alessandri, direttore Area Funzionale Dipartimentale Medicina Interna e  UOC  Medicina Interna Colline Metallifere – Il costante aggiornamento consente loro di acquisire sempre maggiori competenze per riconoscere la patologia in tempi sempre minori e inserirla il prima possibile nei Percorsi diagnostico terapeutici aziendali (PDTA), scegliendo il trattamento più appropriato”. Una sezione del corso sarà dedicata alla costruzione di tavoli  per la progettazione di PDTA sia sulle disfunzioni tiroidee che sulle problematiche legate al nodulo tiroideo.

I noduli tiroidei sono palpabili nel 5 % dei soggetti, ma noduli di piccole dimensioni, rilevabili con l’esame ecografico, sono presenti nel 50-60% della popolazione generale. Si possono presentare isolati o nell’ambito di un gozzo. Frequenti sono anche le alterazioni della funzione tiroidea. L’ipotiroidismo si riscontra in forma lieve in quasi il 10% della popolazione e, come per i noduli, aumenta con l’età. La causa più frequente di ipotiroidismo è la tiroide cronica di Hashimoto. L’ipertiroidismo colpisce fino al 2-3% della popolazione generale nella sua forma clinicamente manifesta, ma la prevalenza delle forme più lievi è del 4-6 %, soprattutto nelle donne sopra i 60 anni. Anche l’ipertiroidismo può avere un’origine autoimmune (morbo di Basedow) e in questo caso colpisce soprattutto le donne in età giovane/adulta.

Al convegno interverranno studiosi e professionisti sia del territorio grossetano che di altre Aziende sanitarie, Università di Pisa e di Siena comprese, il sindaco di Massa Marittima, Marcello Giuntini e il presidente della Conferenza dei Sindaci, Giacomo Termine. L’evento inoltre fa parte del piano formativo 2018 del Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica e si inserisce nel percorso di costruzione della Rete endocrinologia dell’Azienda.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.