Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ippodromo, Ulmi: «No a scempi edilizi, vogliamo progetti a favore della città»

GROSSETO – «Ho letto e apprezzato l’accorato intervento sulla chiusura dell’Ippodromo del Casalone fatto dall’amico Mauro Camuffo, due volte collega, come medico oggi e come Commissario di corse un po’ di tempo addietro» anche il segretario provinciale della Lega, Andrea Ulmi, interviene sulla chiusura dell’Ippodromo, sia in veste di politico, sia come grossetano legato alla struttura per trascorsi personali.

«Seguendone il filo, e rivivendone la trama – dice Ulmi – in me non ha prevalso la perplessità politica di voler capire perché, se si poteva evitare, quanti posti di lavoro verranno soppressi e quali interessi non dichiarati ci siano dietro, né il dispiacere di vedere disperdersi una cultura, quella del cavallo, da sempre sposata al nostro territorio anche nel mutamento dei tempi, che aveva portato le corse di giorno a maggio, l’illuminazione notturna, che ne aveva fatto un punto di riferimento per i turisti che si avvicendavano fino alla fine dell’estate il mercoledì e il sabato. No niente di tutto questo».

«Mi è salita invece una struggente nostalgia del tempo che fu: “al bambino Andrea Ulmi, con tanti auguri”, una busta bianca intestata Società Corse Cavalli, e dentro il pass per le corse del maggio 1968; la nostalgia dei primi soldi estivi guadagnati facendo il giudice di arrivo; mio padre medico dell’ippodromo – racconta il segretario – un’intera città che viveva in sintonia con le stagioni del cavallo e del Casalone. Non esiste grossetano che non abbia frequentato l’ippodromo, che non abbia fatto suo il legame con quello spicchio della nostra cultura, che non abbia vissuto la “profana sacralità” di momenti leggeri che scandivano il tempo e il passaggio delle stagioni. È la tradizione e il perpetuarsi nei decenni a creare quella sacralità: nessun nuovo evento, per quanto economicamente rilevante, può competere con quelli storicamente radicati, il palio di Siena, il festival di Sanremo, e nel nostro piccolo la processione di San Lorenzo o il mercato del giovedì».

«Mi rendo conto di essere un romantico – prosegue Ulmi – ma poi mi ricordo che sono anche un consigliere comunale di questa Città, e il segretario provinciale della Lega. In entrambi i ruoli, dunque, mi attiverò per vigilare. Chiederò di capire per quale motivo al Ministero abbiano deciso di trasferire le corse al galoppo a Follonica, ma soprattutto di dismetterle nella patria del cavallo. Voglio capire cosa si intende fare dell’area, che da sempre è stata dedicata al cavallo in tutte le sue declinazioni, allevamento, allenamento e corse, e dedicata al cavallo deve rimanere».

«Ci è stato sottratto il modo di rivivere un ricordo di qualcosa che appartiene alla nostra terra – conclude Ulmi – non voglio sorbirmi inauspicabili scempi edilizi, voglio che ci siano progetti a favore della città, in grado di tener vivi almeno i rami di quella maremmana cultura ippica, visto che le nostre radici ad oggi vengono recise».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.