Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“I Divoralibri”: a Castiglione il progetto che ha coinvolto i ragazzi delle scuole

Al progetto del sistema documentario integrato grossetano erano presenti gli alunni delle scuole primarie di Roccastrada, Scarlino, Manciano, Magliano in Toscana e Castiglione della Pescaia

Più informazioni su

GROSSETO – «Per il secondo anno consecutivo il Comune di Castiglione della Pescaia, attraverso la Biblioteca Italo Calvino, ha organizzato il progetto di promozione alla lettura per il Sistema documentario integrato grossetano che, questa volta, coinvolge i bambini delle classi quinte della scuola primaria di Castiglione della Pescaia, Roccastrada, Scarlino, Manciano e Magliano in Toscana. Il progetto, dal titolo “I DivoraLibri”, è iniziato nel 2017 e si è concluso questa mattina.

Susanna Lorenzini, assessore alla Cultura ed alla Pubblica Istruzione del Comune di Castiglione della Pescaia, riassume così l’iniziativa che si è appena conclusa,  dove i ragazzi della scuola primarie sono stati i protagonisti.

«Durante l’anno scolastico – spiega l’assessore – si sono tenuti incontri di animazione con le classi, che hanno interpretato le indicazioni contenute nei testi e le fasi operative per arrivare alla composizione di un “panino di classe” farcito con le storie, i personaggi, le frasi, da presentare in una gara “culinaria-letteraria” finale, dove le migliori scolaresche sono state premiate».

«I ragazzi – illustra Lorenzini –   sono stati “critici-chef”, realizzando una ricetta originale a partire dalle storie lette: le emozioni e le sensazioni suscitate dalle pagine e dai personaggi e le hanno condivise con le rispettive classi ed associate ad altrettanti ingredienti che hanno  farcito il “panino”, presentato questa mattina durante  l’evento finale insieme ad una relazione/spiegazione con la quale hanno giustificato le loro scelte».

«La giuria – aggiunge l’assessore – era composta  dalla scrittrice Paola Zannoner, dalla sottoscritta, dal presidente del sistema bibliotecario Emiliano Rabazzi, da due dipendenti delle biblioteche di Scarlino e Castiglione della Pescaia Marco Bizzarri e Patrizia Guidi, da Emilio Signori e Matteo Donati dell’Associazione Cuochi di Maremma».

Il concorso è stato vinto dalla 5a della scuola primaria di Castiglione della Pescaia, al secondo posto si sono classificati i ragazzi di Saturnia e sul terzo gradino del podio è salita la classe 5a di Magliano in Toscana.

«L’obiettivo del “DivoraLibri” – tiene a precisare Susanna Lorenzini – è quello di consolidare e rafforzare la rete delle biblioteche attraverso un lavoro di promozione della lettura condiviso tra scuola e biblioteca e credo che lo abbiamo realizzato con questa esperienza.

«L’Amministrazione comunale di Castiglione della Pescaia – spiega l’assessore – è il capofila del progetto “DivoraLibri”e la gara finale  che si è svolta in piazza Orto del Lilli a Castiglione della Pescaia, è stata una grande festa dove i protagonisti sono stati i ragazzi delle classi coinvolte».

«La scuola – prosegue Susanna Lorenzini – è un luogo dove si ha il primo approccio all’apprendimento alla lettura nelle varie forme, cartacee e digitali. I ragazzi si avvicinano, secondo un programmato processo didattico a testi che sono di differente complessità, di vari generi letterari ed editoriali».

Sull’importanza del ruolo delle biblioteche pubbliche, Lorenzini ha le idee chiare.

«Promuovere la lettura e il libro all’interno della biblioteca comunale – dice convinta l’assessore – è un modo per fare di questi strumenti sempre più indispensabili alla crescita ed all’indipendenza di una comunità. Non bisogna scordarsi però che stiamo vivendo un momento storico difficile. La crisi economica investe molte persone, i tagli pesantissimi ai bilanci degli enti locali e le biblioteche come la nostra, rischiano di essere pesantemente ridimensionate».

«Il rischio da scongiurare è quello di arrivare ad avere una società impoverita – conclude Susanna Lorenzini –  diseguale e ignorante. Per allontanarsi da questa eventualità, tutte le iniziative formative per le giovani generazioni, saranno sempre intraprese e proposte dalla sottoscritta al mondo della scuola castiglionese».

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.