Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vella al sindaco: «Convochi la consulta del mare, le questioni irrisolte si accumulano»

SCARLINO – “Ancora una volta mi trovo costretto a sollecitare al sindaco, Marcello Stella, per scritto, la convocazione della Consulta del mare visto che a due richieste verbali avanzate in modo informale, in tempi diversi, che avevano ottenuto una risposta positiva, non è seguito nessun riscontro effettivo” a parlare è Antonino Vella dell’associazione Pulisci Scarlino.

“Stessa sorte è toccata a reiterate richieste verbali e scritte avanzate dall’Associazione Porto-Canale – prosegue Vella – per cui, avendo raccolto anche l’adesione di Giovanni Tarantino rappresentante le aziende e gli operatori del Porto Verde, sono a chiederle di convocare, in tempi relativamente brevi, la prima Consulta del mare del 2018. Tra l’altro, dall’inizio dell’anno, ci sono stati momenti in cui la presenza degli aderenti alla consulta del mare avrebbe potuto essere considerata positiva e qualificante e altri momenti di forte tensione occupazionale in cui, forse, la vicinanza agli attori da parte dei rappresentanti della Consulta con un documento e/o personale, avrebbe potuto avere un peso sulle trattative”.

“Senza parlare dei problemi irrisolti dell’erosione costiera – sottolinea l’ambientalista – della viabilità della località Puntone/ Portiglioni, dei casermoni in costruzione ed abbandonati sulla Fiumara, della Casa dei Pescatori del Comparto 2, della viabilità di accesso al Porto, dei parcheggi uso spiaggia, del flagello delle zanzare, dell’imminente stagione balneare e, dulcis in fundo, la movimentazione fanghi in bocca della Fiumara con conseguente cattivo odore e relativo stoccaggio degli stessi all’interno del canale sulla sponda destra”.

“Come vede – dice Vella rivolgendosi direttamente al sindaco – gli argomenti da portare in discussione non mancano e ci parrebbe logico affrontarli in più riprese e non solo con le due assemblee annuali nelle quali a malapena si riesce a trattare una problematica.
Come sempre la Consulta si mette a disposizione per capire le dinamiche di alcuni atti realizzati od imposti all’Amministrazione Comunale cercando, attraverso le competenze di ognuno, di proporre o sollecitare soluzioni logiche nell’interesse della salute dei cittadini e dell’economia del territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.