Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Molestava sessualmente le pazienti durante le sedute. Fisioterapista patteggia un anno e 4 mesi

Più informazioni su

GROSSETO – Ha patteggiato il fisioterapista di Grosseto smascherato con un servizio de Le Iene il 17 aprile 2016. Dopo due anni, arriva la conclusione della vicenda penale: un anno e quattro mesi di reclusione per aver costretto le sue pazienti a subire atti sessuali.

Fu Sofia Mangiarotti a rivolgersi alla trasmissione Mediaset. Affetta da una patologia autoimmune, era paziente dell’uomo fin dal 2005. Si sottoponeva a circa cinque trattamenti l’anno, che si svolgevano sempre a seno nudo. L’uomo la costringeva a manovre che si trasformavano in violenza sessuale. Si stendeva sul suo corpo, poggiava i suoi genitali nelle mani di lei, le abbassava gli slip e faceva scivolare la mano sul pube della paziente. “Io porto ancora i segni di ciò che ho subìto, di quell’approfittare del suo ruolo e della debolezza di chi è sul lettino. Ha abusato di un compito delicato, io ho ancora paura degli uomini”, dice Sofia Mangiarotti.

Dopo di lei, altre donne hanno denunciato gli stessi comportamenti. Una si è rivolta a La Via dei Colori e all’avvocato Giulio Canobbio, direttore del Comitato scientifico della onlus. “Per me è una vergogna – afferma la donna – , questa persona ha molestato molte donne negli anni e se la cava così, con un patteggiamento e una pena irrisoria. Una presa in giro per chi come me ha subìto queste violenze”.

“Certo, che venga condannato è un sollievo – conclude Sofia Mangiarotti – per me e per tutte le donne che anche loro sono finalmente libere da un incubo. Anche se ha scelto la strada più breve e più comoda per lui, ciò che conta è che sia dichiarato colpevole. Che noi donne possiamo camminare a testa alta e che il dito, spesso puntato su di noi con scetticismo e scherno, potrà essere puntato sul vero colpevole”.

La pena base era di cinque anni, ridotta per via del rito speciale e della concessione delle attenuanti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.