Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cosa fare contro le truffe agli anziani o quelle telefoniche? Lo spiegano i Carabinieri

MONTE ARGENTARIO – Un incontro per insegnare agli anziani e a chi vive solo a non cadere nelle truffe. L’incontro, organizzato dalla Compagnia dei carabinieri di Orbetello in collaborazione con il Rotary e il Comune di Monte Argentario, vuole mettere in guardia contro chi si presenta alla porta o chiama al telefono.

«Un fenomeno in particolare ascesa è quello dei raggiri a mezzo telefono, che – fanno sapere i Carabinieri – vedono i truffatori spacciarsi per presunti esponenti delle forze dell’ordine oppure per falsi parenti. Costoro in genere chiedono soldi per familiari rimasti coinvolti in incidenti stradali o con improvvisi problemi economici, per cui è necessario intervenire con la massima urgenza (pena, ad esempio, il pignoramento della casa). Poi prospettano la soluzione, invitando il malcapitato anziano a preparare del denaro, o in alternativa gioielli, da consegnare a un incaricato, spacciato, a seconda del caso, per assicuratore, funzionario della banca o avvocato».

«Vittime sempre le persone appartenenti alle “fasce deboli (anziani, malati, persone che vivono in solitudine…). Infatti, quella delle truffe agli anziani è una piaga tristemente molto diffusa, che vede personaggi senza scrupoli tentare di approfittarsi di persone spesso sole e incapaci di difendersi. In ogni caso, si suggerisce di non consegnare soldi a persone che si siano presentate al telefono come professionisti, militari, poliziotti o dipendenti di società di servizi incaricati di ritirare denaro e di non esitare a contattare il 112 denunciando quanto accaduto». All’incontro erano presenti circa 60 persone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.