Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Casa dei pesci: dal sogno alla realtà”: in mostra anche le opere degli studenti

GROSSETO – Anche gli studenti del Liceo Artistico “L. Bianciardi” hanno aderito al progetto “Casa dei Pesci” e anche i loro bozzetti, quindi, saranno esposti alla mostra “Casa dei pesci: dal sogno alla realtà”, che inizierà giovedì 10 maggio alle 18.00 nei locali di Clarisse Arte.

“Grazie alla preziosa collaborazione di maestri, associazioni e istituzioni il progetto “Casa dei Pesci” vuole sensibilizzare l’opinione pubblica a salvare l’habitat naturale dei pesci, perché come potrebbe essere un mare senza pesci? – spiega l’Istituto –  la pesca a strascico illegale sta infatti depauperando i nostri mari e distruggendo la vita sommersa. Per questa ragione gli studenti del Liceo Artistico “L. Bianciardi” hanno aderito in prima persona al progetto per dare un contributo alla salvaguardia e conservazione del mare e sensibilizzare tutti al rispetto della flora e fauna marina.  Le classi 5 A, 4 A e il Corso Serale, sotto la guida dei docenti Annarita Frate, Antonella De Felice, Claudia Ciccarelli e Stefano Corti, hanno realizzato i modelli in gesso di quattro figure tratte da un bronzetto di Lea Monetti“.

“La “Casa dei Pesci” è un percorso – prosegue l’istituto in una nota –  un contributo per il cambiamento, un’avventura cresciuta negli anni fino a diventare un’occasione artistica dove importanti esponenti della scultura s’incontrano e partecipano attivamente alla creazione di un museo a mare aperto, donando una casa ai pesci e un’opportunità, anche turistica, al territorio”.

“Entro la fine del 2018 – conclude la scuola – saranno messi in mare 20 blocchi dissuasori di marmo grezzo di cava che, partendo dalla Apuane, torneranno al mare. I blocchi dissuasori di marmo impediranno le azioni di pesca illegale che tanto danneggiano l’ecosistema marino, preservando la flora e contribuendo al ripopolamento della fauna dei nostri fondali, ricreando quel museo vivente che la natura spontaneamente ci offre”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.