Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Palazzo Mensini, al via l’iter di riqualificazione. Chelliana trasferita entro fine anno

GROSSETO – “Palazzo Mensini è pronto ad accogliere la biblioteca Chelliana mettendo a disposizione tutti gli spazi dell’edificio storico” questo è quanto annuncia il Comune dopo la delibera, da parte della giunta, del progetto esecutivo per i lavori di ristrutturazione e riqualificazione anche del primo e del secondo piano del fabbricato di via Mazzini.

I lavori, per i quali è stato stimato un costo pari a un milione e 42mila euro, sono previsti a partire dal prossimo autunno “Prosegue l’impegno preso con la città per restituire attrattiva al centro storico con eventi, luoghi adeguati, decoro urbano, cura e attenzione verso il patrimonio monumentale – dice il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna – e questo atto si inserisce in questo ambizioso progetto. Pochi mesi ancora e la storica biblioteca Chelliana potrà tornare nella sede più appropriata. E offrire servizi innovativi e spazi confortevoli in una struttura di pregio che finalmente sarà riqualificata a dovere, nel rispetto della storia e dell’identità cittadina”.

“Con questa delibera si completa l’iter per la sistemazione definitiva di Palazzo Mensini, dove sono attualmente in corso i lavori per la riqualificazione del piano terra e del piano mezzanino – spiega l’assessore ai Lavori pubblici, Riccardo Megale – Grazie a questi primi interventi la biblioteca potrà infatti tornare nella sua sede originaria entro la fine dell’anno. I lavori previsti al primo e al secondo piano permetteranno poi il trasferimento di tutto il patrimonio documentario e garantiranno l’apertura di altri spazi adeguati a ospitare numerose attività promosse dalla bibliotcea e non solo. L’impegno, tempi burocratici permettendo, è quello di terminare gli interventi anche di questi ultimi due piani entro la fine del 2019”.

“I lavori – conclude l’Ente – riguarderanno il completamento delle opere strutturali, il completamento e il ripristino degli impianti elettrico e termoidraulico, il ripristino dell’impianto antincendio, la sistemazione delle finiture architettoniche (come i massetti, i pavimenti, gli intonaci, i controsoffitti, tinteggiature, ecc.), la sistemazione degli infissi interni. Pavimenti e infissi saranno dello stesso tipo di quelli previsti al piano terra”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.