Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Assunzioni, Cgil: «La Asl non si confronta col sindacato. Risposte sulle graduatorie di mobilità»

Più informazioni su

GROSSETO – «Apprendiamo con soddisfazione che l’Azienda Usl sud est Toscana risponda, quantomeno a mezzo stampa, ma solo parzialmente, a richieste più volte fatte da questa organizzazione». Marco Vitelli, coordinatore della Cgil funzione pubblica di area vasta per la sanità, commenta così la nota della Asl in merito all’assunzione di 100 infermieri.

«Con amarezza invece notiamo che la mancanza di confronto con le organizzazioni sindacali è provata dalla modalità appena descritta, dal momento che la richiesta sul fabbisogno di personale e dotazioni organiche risale al 13 febbraio, più volte reiterata, sulla quale non abbiamo mai avuto risposta. È utile inoltre sottolineare che la delibera cui si fa riferimento relativa all’assunzione di “82 unità a tempo indeterminato tra infermieri, ostetriche ed oss” è stata emessa, senza che nulla fosse stato a noi comunicato, proprio lo stesso giorno in cui abbiamo pubblicamente sollevato le mancanze a numerose tematiche poste: proprio il 3 maggio».

«Merita ancora un accenno il fatto che continuiamo a non avere risposte certe sull’utilizzo delle graduatorie di mobilità, dove e quando collocare i lavoratori, mentre genericamente viene annunciato che saranno effettuati bandi di mobilità interaziendali. Ricordiamo ancora al direttore del Dipartimento risorse umane, Dario Rosini, che il non rispetto della decorrenza di un accordo a causa di non meglio specificati “inevitabili tempi tecnici” dovrebbe essere quantomeno condivisa o comunicata alle organizzazioni firmatarie dell’accordo, e non essere appresa dai lavoratori. Contiamo poi che per tutte le altre questioni aperte come ad esempio il ricorso al precariato ed alle esternalizzazioni, l’Azienda voglia dare risposte a questa Organizzazione Sindacale. Ad oggi continuiamo a constatare una modalità relazionale dell’azienda che nei fatti, e quanto sopra lo dimostra, snatura il concetto di corrette relazioni sindacali». Conclude la nota.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.