Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A breve l’apertura della nuova ala dell’ospedale: ecco che succederà al Misericordia e in via Don Minzoni foto

GROSSETO – Verrà inaugurata entro la fine del 2018 la nuova ala dell’ospedale Misericordia per cui sono stati investiti complessivamente 65 milioni di euro compresi arredi e strumenti tecnologici.

A giugno verranno terminati i lavori interni dell’ospedale, mentre l’esterno avrà bisogno ancora di qualche ritocco, come conferma il direttore amministrativo Francesco Ghelardi; sono già partiti gli ordini per gli arredi interni che dovrebbero arrivare a luglio, e il 27 aprile sono stati completati anche i parcheggi con 190 posti auto asfaltati in più.

La nuova struttura, che ospiterà 120 posti letto, vedrà al proprio interno il reparto di chirurgia, di anestesia, rianimazione, cardiologia ed emodinamica, insomma tutta l’alta intensità di cura dell’ospedale.

boldrini dei desideri

Intanto anche il resto dell’ospedale subirà un restyling: verrà creato il cosiddetto “piano delle donne” che riunirà la ginecologia a tutta una serie di reparti diagnostici legati alla salute delle donne, come conferma Simona Dei. Ma i reparti che si liberereranno serviranno ad ospitare anche alcuni ambulatori che al momento si trovano in via Don Mimzoni come conferma Fabrizio Boldrini: «In via Don Minzoni sorgerà una importante casa della salute, vi porteremo i medici di medicina generale».

«La situazione della sanità maremmana è migliorata molto nel corso degli ultimi tre anni – afferma Enrico Desideri direttore generale Asl Toscana sud-est – abbiamo una mortalità per tumore che è la più bassa della Toscana, e grazie al nuovo 118 abbiamo avuto un miglioramento della sopravvivenza in caso di infarto grazie alla riduzione dei tempi di attesa che è scesa del 10%».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.