Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Predatori, Pd: «In pochi giorni uccisi 100 capi. Via ibridi e lupi da Manciano»

Più informazioni su

GROSSETO – “Il problema delle predazioni sta mettendo a dura prova le realtà allevatoriali locali ed è estremamente necessario individuare una soluzione in maniera rapida” a parlare è Fausto Bandinelli, responsabile agricoltura della segreteria provinciale del Partito Democratico, che interviene sulla questione predatori dopo i feroci attacchi che si sono consumati nella zona di Manciano.

“Ogni giorno – prosegue il responsabile agricoltura del Pd territoriale – si rincorrono notizie di episodi predatori, talvolta di dimensioni importanti come, ad esempio, quelli che hanno visto protagonista nell’ultimo periodo la zona del mancianese in cui, a distanza di pochi giorni, sono morti quasi un centinaio di capi. A ciò si deve aggiungere la stagnazione decennale dei prezzi, ulteriormente aggravata da questo annoso e irrisolto problema legato ai lupi, ma soprattutto agli ibridi che sono, anche a detta dei pastori, ancora più sfrontati negli attacchi, aggredendo le greggi senza paura anche nelle ore diurne”.

“Il ruolo degli allevatori è cruciale ed è necessario agire in loro difesa – chiarisce Bandinelli – oltre a produrre la materia prima con cui viene realizzata un’eccellenza locale come il Pecorino Toscano D.o.p., rivestono il ruolo di laboriosi custodi del territorio anche e soprattutto in zone marginali, in cui non è possibile praticare altre coltivazioni. Non gestire la questione in maniera concreta potrebbe portare all’abbandono completo dei nostri territori e le conseguenze in termini di dissesto idrogeologico e non solo potrebbero essere difficili da arginare”.

“I comitati nati sono molti come le dichiarazioni dei vari schieramenti politici – dice l’esponente Pd – adesso, però, è arrivato il momento di passare dalle parole ai fatti, agendo in maniera corale e mettendo da parte le logiche di bandiera che poco o a nulla servono in questi casi. Le reti anti-lupo e i cani da guardianìa hanno in parte attutito gli attacchi ma il problema non è stato completamente risolto. A mio giudizio, gli ibridi devono essere eradicati dal territorio e i lupi ricondotti in contesti in cui gli allevatori sono abituati da sempre alla loro presenza e la conformazione dell’ambiente circostante permette una convivenza più sopportabile”.

“Mi auguro, dunque – conclude Bandinelli – che il problema venga presto affrontato nei giusti termini oltre che risolto in tempo rapidi e senza ulteriori tentennamenti al fine di permettere alla categoria degli allevatori svolgere il proprio lavoro in serenità.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.