Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bombardamento di Pasquetta, il Vescovo ricorda le vittime: «Perché non accada mai più»

GROSSETO – “Celebrare la memoria di un anniversario serve a dar valore a tutto quel male-dolore come possibile scuola da cui imparare a non ripetere più, a dire mai più” E’ quanto detto dal vescovo, Rodolfo Cetoloni, nell’omelia pronunciata questa mattina nella Messa celebrata nella cripta della Basilica del Sacro Cuore, nel 75esimo anniversario del bombardamento di Pasquetta.

“Per noi cristiani – ha aggiunto Monsignor Cetoloni – la memoria non è solo ricordo di un evento ormai assegnato al passato, ma è legata alla fede in Cristo, il centro della storia umana. Come cristiani siamo chiamati ad attraversare il tempo, la storia e il quotidiano avendo in noi i sentimenti, lo sguardo, il cuore di Gesù, ricordando, certo, le vicende tristi e drammatiche che hanno segnato il passato, ma allo stesso tempo convinti di un bene sempre presente, impegnati ognuno, in un piccolo segmento di tempo e di spazio, a diventare luogo, presenza di Dio”.

“Egli ha voluto condividere la storia con noi, compresi i drammi e i disastri umani – ha proseguito Cetoloni – questo ci porta a non arrenderci, a non adattarsi, anche a soffrire di più forse nelle situazioni, perché ogni volta che si ferisce un fratello, si ferisce Dio, la sua carne, il suo volto. Credere comporta più partecipazione, più coinvolgimento alla sorte dell’umanità, più condivisione pagata di persona, senza però far cadere la speranza e la fiducia, ma tenendo fisso l’impegno a rinascere, a ricostruire”.

Riferendosi poi alla cripta, il vescovo Rodolfo ha ricordato come mons. Paolo Galeazzi la volle “perché fosse memoria feconda. Oggi è affidato a noi, perché sia spazio di consolazione e perdono”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.