Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rossi sulla sicurezza sul lavoro: «Aumentare i controlli, estendere i progetti speciali»

Più informazioni su

FIRENZE – Intensificare l’impegno della Regione per la sicurezza sul lavoro, estendere i progetti speciali, avere la possibilità di assumere per aumentare i controlli, lotta all’evasione fiscale e al lavoro nero. E un appello al governo nazionale perché ci sia un rapporto più stretto tra sicurezza sul lavoro e ispettorato del lavoro. Questi i punti salienti toccati dal presidente Enrico Rossi nel suo intervento in aula, a conclusione della seduta speciale del Consiglio regionale dedicata alla sicurezza sul lavoro.

La fatalità non esiste. “Nella mia lunga esperienza, prima da assessore, poi da presidente, ho maturato la convinzione che per gli incidenti sul lavoro la fatalità non esiste – ha detto Rossi – Infatti, quando si mette attenzione, i risultati si vedono, quando le aziende fanno dell’abbattimento degli infortuni un punto d’impegno, gli infortuni calano. Non bisogna accettare l’incidente come fatalità. Noi abbiamo fatto tante cose, ma tante restano ancora da fare. Sono rimasto particolarmente colptio dalla situazione di Livorno, dove un protocollo per troppo tempo è stato lasciato lì come carta. E’ inquietante domandarci se ciò che è accaduto è frutto di una scintilla. C’è da capire se c’è qualcosa che non funziona. Tanti operai, non solo a Livorno e in Toscana, sono morti nelle cisterne. Una questione che chiama in causa la sicurezza sul lavoro, l’Arpat, i vigili del fuoco. Un quadro che va affrontato con freddezza, per non avere poi da rimproverarci alcunché. Chi è competente in materia ci riferirà, la poilitica deve porre le domande giuste, e pretendere dai tecnici le risposte”.

I progetti speciali. “Credo molto nei progetti speciali – ha detto convinto – Li abbiamo fatti per Prato e per le Apuane, lo voglio fare per la cantieristica. Quello di Prato ha dato i suoi risultati. L’80% delle aziende visitate si è messo in regola. I dormitori ci sono sempre, ma non più nei laboratori. Poter replicare l’esperienza di Prato vuol dire che bisogna assumere altre 70 persone. Ma se le leggi nazionali non me le fanno assumere…”. E qui Rossi ha ricordato la legge che impone la riduzione del personale in sanità, contro la quale ha fatto ricorso alla Consulta. “E’ un’invadenza governativa in competenze che sono della Regione – ha sottolineato – A Prato sono le imprese a chiedere di fare più controlli. E’ importante che l’appello ad aumentare i controlli sia venuto proprio dalle forze datoriali di Prato. La visita è una spinta verso la legalità. Dove abbiamo fatto visite, i contrib uti sono aumentati del 51%. Quindi dobbiamo poter assumere giovani per fare controlli integrati, abbiamo visto che dove questo viene fatto, poi si ripaga da sé. Quindi intensificheremo il nostro impegno ed estenderemo i progetti speciali”.

Lavoro nero e precariato. “Abbiamo visto che spesso gli infortuni mortali avvengono in situazioni di lavoro nero e di precariato. La lotta a lavoro nero e precariato è uno dei punti fondamentali per la sicurezza del lavoro. Approfondiremo, faremo un focus sugli incidenti mortali e sul perché accadono”.

Le richieste al governo nazionale. “Abbiamo riscontrato che a livello nazionale mancano i provvedimenti sulle cisterne, sulla certificazione delle imprese. Ci auguriamo che il futuro governo li produca. Inoltre ci rivolgiamo al governo nazionale perché ci sia un rapporto più stretto tra sicurezza sul lavoro e ispettorato del lavoro. La nostra intenzione è quella di chiudere la legislatura aprendo una trattativa con il governo per raggiungere un’intesa su questo”.

Rossi ha apprezzato il clima in cui si è svolto il dibattito in aula: “Il dibattito di oggi è stato positivo – ha detto – Tutte le forze politiche hanno dimostrato grande sensibilità. E sono molto contento – ha concluso – che i sindacati nazionali abbiano scelto la Toscana e Prato per celebrare il 1° maggio, sul tema della sicurezza sul lavoro”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.