Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tribunale fallimentare, Capalbio vota contro la soppressione

CAPALBIO – Nella seduta di oggi il consiglio comunale ha approvato, all’unanimità, l’ordine del giorno dove è manifestato il dissenso rispetto all’ipotesi della soppressione della sezione Fallimentare del Tribunale di Grosseto.

“Nell’ambito della legge delega n. 155/2017 – spiega l’Amministrazione – è contenuta una norma con cui viene previsto l’accoparmento delle sezioni fallimentari dei tribunali e che per la Toscana risulterebbero destinate al dimensionamento 7 sezioni fallimentari e di queste Grosseto con Livorno e Pisa. Il Consiglio Comunale ha rilevato come l’accorpamento comporterebbe ripercussioni nei confronti di numerosi cittadini, imprese e operatori che, a vario titolo, partecipano delle procedure concorsuali.

“Il Consiglio Comunale – prosegue la nota – ha delegato al Sindaco a manifestare dissenso e preoccupazione rispetto all’ipotesi di accorpamento al Presidente del Consiglio, al Ministro della Giustizia, ai Parlamentari eletti dal Territorio, affinché vengano adottati tutti i correttivi necessari al fine di scongiurare l’avverarsi di tale ipotesi che potrebbe aprire la strada nel medio periodo a un processo di dimensionamento ulteriore delle sezioni giudiziarie del Tribunale”.

“Disagi organizzativi, aggravi di ordine economico, marginalizzazione politica della Provincia – conclude l’Amministrazione Comunale di Capalbio – sono state le riflessioni discusse e contenute nel documento firmato dal Sindaco e da tutti i consiglieri comunali. L’atto dopo la pubblicazione sarà trasmesso all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Grosseto, al Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Grosseto ed al Prefetto fanno sapere dall’Amministrazione Comunale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.