Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Licenziamenti, Forza Italia attacca Stella «Dovrebbe garantire i lavoratori»

SCARLINO – “In questi giorni è scoppiata l’ennesima bomba relativa all’occupazione, che si aggiunge alla difficile situazione di precarietà che stanno vivendo da tempo i lavoratori di altri comparti produttivi, ma la convenzione tra Comune e azienda doveva garantire i lavoratori” A dirlo è il coordinamento comunale di Forza Italia che prosegue “Partendo dalla convenzione in essere tra il comune di Scarlino e la società che ha in concessione il porto, atto che, a quanto ci risulta, potrebbe dare garanzie ai lavoratori, Forza Italia vuole quindi porre l’attenzione e avere, senza alcuna demagogia, qualche risposta dal sindaco Marcello Stella, che abbiamo visto in prima fila alle manifestazioni organizzate dai sindacati e dai lavoratori per protestare contro quei provvedimenti da tutti giudicati immotivati e ingiusti”.

“Chiediamo al primo cittadino se corrisponda al vero che negli accordi stipulati tra azienda e amministrazione comunale – prosegue FI – ci sia una parte dedicata proprio alla salvaguardia dei posti di lavoro: a quanto ci risulta, quell’accordo dice chiaramente che il gestore non può scendere sotto il numero dei dipendenti che aveva quando ha firmato l’atto. Se le nostre informazioni sono corrette, vogliamo anche sapere quali strumenti il Comune di Scarlino intende attivare affinché quei patti vengano rispettati, al di là dei tavoli di crisi o della doverosa solidarietà ai lavoratori. In quei documenti firmati da gestore e amministrazione sono inoltre previsti piani di sviluppo occupazionale, vista l’enorme potenzialità dell’opera e del suo indotto? Potrà avere il Comune un ruolo chiave nella vicenda grazie all’accordo? Il porto turistico di Scarlino dovrebbe rappresentare il fiore all’occhiello del nostro territorio, invece ancora una volta non dà una bella immagine del nostro territorio e viviamo una situazione che non lascia presupporre nulla di buono per chi lavora in quella struttura”.

“Si parla tanto di turismo – conclude la nota del coordinamento –  addirittura si invitano gli imprenditori a prendere accordi per lo sviluppo della ricettività, e poi ci troviamo all’inizio della stagione turistica con la più grande infrastruttura del comprensorio che in un batter d’occhio licenzia 4 persone, con l’ufficio informazioni dello stesso porto chiuso per il weekend di Pasqua e il totem informativo spento, così come quello di Scarlino Scalo. Una situazione che ci preoccupa molto: dal sindaco vorremmo rassicurazioni e una strategia a lungo termine”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.