Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Diga, strada e ciclabile a rischio: una crepa si è aperta sull’asfalto fotogallery

ORBETELLO – “A causa dell’acqua salata il ferro si arrugginisce e si espande, questo processo rompe il cemento e la carenza di manutenzione mette a serio rischio la tenuta del ponte della Diga” a dirlo è Alfredo Velasco, non come esponente dell’opposizione lagunare a 5 stelle, ma rispetto alle sue competenze di ingegnere. Da anni, comunque, cittadini e amministratori stanno monitorando e denunciando il deterioramento della struttura della Diga, la strada che collega Orbetello a Monte Argentario.

Le competenze manutentive della Diga sono a carico di due Enti pubblici diversi: la strada su cui passa il traffico meccanico è di competenza della Provincia di Grosseto, le piste ciclabili e pedonali sono di competenza comunale. Ed è proprio la pista pedonale e ciclabile del lato di ponente, quella che affaccia sul mulino, a destare le maggiori preoccupazioni, anche se è impossibile determinare, a occhio, il livello di deterioramento della struttura portante delle due corsie adibite al traffico, in quanto, per farlo, bisognerebbe osservare cosa succede sotto il ponte.

A tale proposito sono state fatte numerose richieste sia pubbliche che istituzionali e, nei mesi scorsi, sono arrivati a Orbetello i tecnici della Provincia per un sopralluogo, confermato dallo stesso Marco Biagioni, consigliere provinciale con delega ai lavori pubblici “I tecnici della Provincia hanno svolto un sopralluogo a fine 2017 – spiega il consigliere – nello stesso periodo abbiamo affidato a dei professionisti uno studio complessivo sullo stato dei ponti della provincia di Grosseto, che dovrebbe essere portato a termine entro l’estate”.

Dall’esito dello studio si saprà in quali condizioni effettivamente riversa la Diga di Orbetello ma, a meno che non sia dichiarata a rischio crollo, la Provincia può fare ben poco rispetto alle esigue risorse a disposizione “Il Governo centrale elargisce alle Province lo stretto indispensabile a garantire il pareggio di bilancio – prosegue Biagioni – se l’anno scorso avevamo avuto 2, 7 milioni, quest’anno abbiamo incassato 1 milione e 100. Con queste cifre non è possibile fare un piano triennale di interventi, dobbiamo agire in base alle emergenze. Purché ci sia un voto popolare che si è espresso sul destino delle Province, ancora non ci arrivano le risorse necessarie per manutenere correttamente strade e scuole”.

La mancanza di manutenzione può rappresentare un serio rischio per la Diga, in quanto, rispetto alla sua particolare peculiarità di strada nell’acqua salata, avrebbe bisogno di interventi continui “La salsedine non perdona – spiega Velasco – e la diga avrebbe bisogno di manutenzione costante”.

Sulla pista pedonale e ciclabile, lato ponente gli effetti, sono ben visibili, il cemento si rompe e cade sulle sponde, il ferro della struttura rimane a vista e il percorso è molto accidentato. L’amministrazione Comunale di Orbetello rassicura “Abbiamo già incaricato gli uffici di calendarizzare un intervento di manutenzione” ma, più complessivamente, il destino della Diga sarà più chiaro quando saranno resi noti i risultati dello studio commissionato dalla Provincia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.