Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tari, l’opposizione «Il sindaco da’ i numeri, più cara per famiglie e ristoranti»

ROCCALBEGNA – “Il Sindaco, durante il Consiglio comunale, ha annunciato la riduzione del 10% della tariffa per lo smaltimento dei rifiuti, omettendo però di evidenziare che tale riduzione non riguarderà né le famiglie composte da uno e quattro componenti e neanche le attività di ristorazione come trattorie, pizzerie e ristoranti” A dirlo è il capogruppo del Pd, Giuseppe Conti.

“Per queste categorie – prosegue Conti – si prevedono aumenti delle tariffe che vanno da un minimo di +1,15% fino a un massimo del +3,75%, in assoluta controtendenza rispetto agli altri comuni più virtuosi che fanno parte del comparto Amiata, che marcano riduzioni effettive della tariffa anche del 15%. Purtroppo per il Sindaco carta canta e, a prescindere dalle sue funamboliche affermazioni, questo è quanto si evince dal piano economico finanziario relativo alla Tari, presentato da lui stesso in Consiglio comunale”.

“Riduzioni sì ce ne sono state – afferma il capogruppo di opposizione Pd – ma non in quei settori che più di ogni altro risentono della crisi economica, famiglie e attività di ristorazione, e nei confronti delle quali si dovrebbero attivare tutti gli incentivi e sgravi tributari possibili, anziché sovraccaricarli di ulteriori oneri. E’ questo il modo di incentivare lo sviluppo turistico di questo territorio, agendo in modo disattento nei confronti delle ormai poche attività di ristorazione presenti? A chi è utile ridurre di oltre il 28% la tariffa Tari per le plurilicenze alimentari se poi il progressivo spopolamento a cui è sottoposto da anni il Comune di Roccalbegna produrrà una sempre più ampia riduzione dei consumi? I titolari delle attività alimentari avranno si un bello sconto immediato sulla tariffa Tari ma, in prospettiva in quale tipo di ripresa economica e sociale del loro Comune possono sperare?”

“Invece di concentrare i risparmi soltanto su alcune attività – sottolinea Conti – sarebbe stato più utile e giusto spalmare le riduzioni in maniera più equa, mettendo a disposizione di tutti i benefici anche se minimi. Purtroppo le domande da porsi non sono più perché il Comune di Roccalbegna sta progressivamente scomparendo dal punto di vista sociale ed economico e perché da anni possiede il triste primato del Comune più povero della Toscana. Adesso la domanda da porsi è, perché il Sindaco Galli non riesce a fare nulla?”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.