Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cestini in spiaggia e Fratino, Marras: «Il sindaco si dia una mossa invece di far polemica su Facebook»

Più informazioni su

ORBETELLO – Il tema della pulizia della spiaggia della Feniglia è diventato nelle ultime ore una vera e propria ‘questione fratino’, sollevata dal sindaco di Orbetello che imputa alla Regione Toscana le prescrizioni che vietano il posizionamento dei cestini per i rifiuti sulla spiaggia libera e regolano le tempistiche di pulizia dell’arenile. Leonardo Marras ha presentato un’interrogazione alla giunta regionale per fare chiarezza sulla vicenda e chiedere di individuare una soluzione ragionevole che garantisca la libera fruizione della spiaggia e al contempo tuteli le specie animali che vivono nell’area.

“Sono venuto a conoscenza della vicenda dalla stampa – spiega Leonardo Marras, capogruppo PD Regione Toscana – e mi sono attivato immediatamente perché trovo insensata l’ipotesi di togliere totalmente i cestini per la raccolta dei rifiuti in una zona ampia come quella della spiaggia della Feniglia che si sviluppa per circa sei chilometri. Il mio invito è a definire una soluzione ragionevole e di equilibrio tra la libera fruizione e la tutela degli animali, ho interrogato la giunta regionale per chiedere che sia individuata e per ricostruire un quadro veritiero della situazione”.

“L’atto a cui fa riferimento il sindaco di Orbetello è un procedimento di Valutazione di incidenza ambientale richiesto lo scorso anno e con validità per la sola stagione 2017 – prosegue Marras –, esprime prescrizioni dettagliate ma, fino a prova contraria, risulta esser stato rispettato. A rileggerlo, però, si rimane sgomenti perché certe prescrizioni sono fuori dalla realtà. Pare, invece, che per il 2018 agli uffici regionali non sia ancora pervenuta alcuna istanza. La richiesta dovrebbe arrivare da un gestore del servizio di pulizia della spiaggia che è il Comune a dover individuare. Se così fosse, sarebbe meglio se il sindaco si desse una mossa invece di sollevare inutili polemiche e ricercare facile consenso su Facebook, riportando tra l’altro informazioni non del tutto corrette. Lo esorto, ancora una volta, ad abbandonare le bacheche dei social e ad attivarsi per la comunità che rappresenta. Non mancherà da parte mia e della Regione la sponda necessaria, come sempre. Nell’interrogazione ho chiesto anche le tempistiche necessarie per l’elaborazione del parere in caso di eventuale richiesta, credo sia utile all’amministrazione per valutare tempi e modi di operatività”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.