Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Casamenti: «Le disposizioni della Regione sono permanenti, Marras non ha capito il problema»

ORBETELLO – «Invito il consigliere regionale Leonardo Marras ad approfondire le procedure altrimenti rischia di non comprendere bene la portata del problema emerso». Andrea Casamenti, sindaco di Orbetello, risponde a Marras sulla vicenda dei rifiuti e del Fratino. «Sulla questione fratino lo studio di incidenza che ha portato ad una disposizione tardiva degli uffici regionali alla fine della scorsa stagione estiva ha carattere di permanenza e non annuale ed quindi sarà applicata per la prima volta quest’anno e nei prossimi».

«Tradotto significa che non deve essere presentato nessun altro e nuovo piano da nessuna ditta come verificato dagli uffici comunali con le altre autorità. Apprendiamo che il consigliere regionale ha presentato una interrogazione in Regione e ne siamo felici – precisa Casamenti -; intanto il comune sta organizzando per la settimana dopo Pasqua un incontro con tutte le autorità competenti per eventuali provvedimenti correttivi alla disposizione in essere della regione sulla base del piano presentato che è unico e permanente. Ci fa piacere che con le polemiche sollevate sul problema sia nato interesse da parte di qualcuno a risolvere alcune disposizioni irrealizzabili per come sono disposte. Quindi invitiamo Marras a partecipare alla riunione in Comune che si terrà dopo Pasqua con tutte le altre autorità per dare il suo contributo che è ben accetto alla risoluzione della questione che è di importanza vitale per il nostro territorio».

E sull’argomento interviene anche Ivan Poccia, consigliere con delega al demanio al diportismo e alla mobilità sostenibile: «Ormai la storia del fratino si sta contornando di elementi imbarazzanti; siamo contenti che ci sia questa corsa da parte della Regione e del WWF a smorzare la portata di un provvedimento che fin da subito ci ha lasciati  sbigottiti. Ma torniamo al 2017 quando in piena assegnazione del bando di gara viene recapitato agli uffici una prima prescrizione  da parte della Regione di redarre un piano di incidenza per la tutela del fratino; a seguito di questo piano la regione acquisisce dei pareri da parte del WWF che assume integralmente in un atto che ci viene presentato praticamente a fine stagione dove vieta in maniera categorica le vagliature, il posizionamento dei bidoni sulle spiagge, l’accesso di mezzi meccanici e altre prescrizioni varie da adottare in maniera perentoria e permanente, infatti in nessun punto del documento si parla di raccomandazioni temporanee ma solo di divieti. Fin da subito con il Sindaco abbiamo compreso la portata irragionevole del provvedimento che di fatto metteva in pericolo l’intero settore balneare ma non solo anche tutto l’indotto turistico».

«Sono stato contattato dagli operatori preoccupatissimi dalle conseguenze dell’applicazione integrale del provvedimento considerando che ci sono operatori che per il tipo di concessione stagionale rischiano di non poter aprire soprattutto in Feniglia, ed è per questo che il Sindaco ha convocato un incontro con gli enti per trovare una soluzione condivisa che tuteli il nostro splendido paesaggio ma che non penalizzi la nostra fonte di reddito principale che è il turismo. Ho lavorato sulle nostre spiagge per anni e ne conosco le sue problematiche dall’erosione alla delicatezza del suo habitat e posso garantire che se noi ci attenessimo a quanto prescritto nel giro di pochi giorni avremmo le spiagge letteralmente invase di rifiuti, noi chiediamo solo un po’ di buon senso. Quelle prescrizioni, almeno per Orbetello, sono inapplicabili;  chi vorrebbe venire in vacanza su una spiaggia sporca o anche solo invasa da legni con il pericolo che qualcuno si faccia male? Ecco vorrei che qualcuno che in questi giorni si affretta a smentire quanto scritto sugli atti ufficiali rispondesse ai cittadini e a chi lavora con il turismo con passione e sacrificio e garantisce posti di lavoro».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.