Rifiuti, riutilizzo di alghe e posidonia: i progetti di Sei Toscana

GROSSETO – Al Museo di storia naturale della Maremma si è parlato di rifiuti e in particolare del recupero di alghe e posidonia.
Sono intervenuti Simona Petrucci, assessore all’Ambiente del Comune di Grosseto, Marco Mairaghi, amministratore delegato di Sei Toscana e Stefano Mancuso, responsabile scientifico della società Pnat, spin off dell’università di Firenze, massimo esperto internazionale di neurobiologia vegetale.

Recentemente Sei Toscana ha avviato alcuni progetti nell’ambito della ricerca e innovazione, in collaborazione con la società Pnat, una collaborazione che ha fatto emergere la possibilità di dare il via a un progetto di analisi sul riutilizzo e recupero delle biomasse spiaggiate di natura vegetale come, per esempio, alghe e posidonia. Un progetto che mira a coniugare le necessità delle amministrazioni comunali costiere della Toscana del sud, con le opportunità offerte dalla ricerca scientifica.

Obiettivo del progetto è trasformare in risorsa ciò che fino ad oggi non lo era, sostituendo il riciclo e il riutilizzo ai sistemi di smaltimento e mettendo così in pratica un esempio concreto e replicabile di economia circolare. L’esperienza a livello internazionale che Stefano Mancuso rappresenterà nel riutilizzo di biomasse, come appunto alghe e posidonia, sarà un ottimo punto di partenza per l’avvio di un proficuo percorso di collaborazione con i Comuni.

Intenzione e auspicio di Sei Toscana è, infatti, quello di costituire con le amministrazioni coinvolte un tavolo tecnico che, grazie al coordinamento dello stesso Mancuso, possa portare già nel 2018 a valutare iniziative concrete su un eventuale riutilizzo o recupero di alghe e posidonia.

Commenti