Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Volley Grosseto pensa al futuro con un palazzetto multifunzionale

GROSSETO – Un progetto da sogno per il Grosseto Volley e non solo. La società di pallavolo sta programmando la costruzione di un palazzetto polivalente con l’appoggio dell’amministrazione comunale. Ancora molto da stabilire, dalla locazione ai costi, ma chiara l’idea di una struttura ospitale e funzionale da 7900 spettatori e 1500 posti auto formulata dall’architetto Bruno Breschi, padre di una giocatrice di pallavolo proprio del Grosseto Volley.

“Sono consapevole che il nostro progetto è ambizioso – ha detto il gm biancorosso Alfredo Veltroni – ma ci porterebbe grande visibilità: un palazzetto con campo ausiliare per ospitare altre discipline. Noi con l’architetto Bruno Breschi siamo orgogliosi di dare vita a questo progetto. A livello pallavolistico puntiamo a portare in alto le nost atlete ed un progetto simile ci aiuterebbe in questo. Ringraziamo il sindaco e gli assessori per averci ascoltato. Se per volare servono le ali, presto le avremo”.

“Abbiamo una grande ritardo in fatto di strutture sportive – e quando Alfredo mi ha proposto di lavorarci, abbiamo accettato. Avere strutture per eventi importanti anche culturali e di spettacolo è importante. Questo progetto ci piace, vuole volare ma ha gambe solide. Dobbiamo lavorare per vedere un palazzetto polifunzionale, tutti assieme, con le altre società sportive. Il Grosseto Volley ha lanciato un’ottima idea che parte da un progetto ambizioso ma è già un buon inizio nel buio, visto che non se ne parlava da trent’anni”.

“Questa è una fase metaprogettuale – ha detto l’architetto Breschi – con tante cose da mettere in più e forse da ritagliare, ma senza l’idea non si va avanti. È un progetto su cui ho lavorato due anni, un centro sportivo polivalente che servirà a tanti sport e non solo, che riecheggia il palazzetto della Palalottomatica a Roma”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.