Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Confraternita della Trippa raccoglie fondi per il Misericordia, ma rimane “top secret”

GROSSETO – Serata di beneficenza in ricordo di Maria Sole Marras per la misteriosa Confraternita della Trippa che ieri sera nella sala Tuscia della Fattoria Principina si è aperta al pubblico con l’obiettivo di raccogliere fondi per l’acquisto di una sonda per le ecografie craniche da donare all’ospedale Misericordia. Uno strumento che viene utilizzato per le diagnosi nei bambini e nei neonati e che ad oggi, in Toscana, è presente soltanto all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze .

Un obiettivo quasi centrato e che sarà presto raggiunto: la sonda infatti ha un costo di 8.357 euro e ieri sera sono stati raccolti 7.770 euro. La rimanenza sarà garantita da altre donazioni già confermate nei prossimi giorni.

Una serata definita dagli stessi “confratelli” eccezionale perché per la prima volta la Confraternita, formata da soli uomini, si è aperta ad un incontro pubblico e alle donne. Una serata che rimane comunque “top secret”, soprattuto per i partecipanti, ricalcando un po’ quella che è l’impostazione della Confraternita: negli appuntamenti conviviali della associazione infatti è fatto espressamente divieto di divulgare materiale fotografico sui social. Per questo pubblichiamo soltanto un’unica esclusiva foto della serata. Tra i protagonisti della conviviale che ha visto la partecipazione di più di 200 persone, anche i “Musica da ripostiglio” , la band maremmana che da tempo ha ottenuto successo in tanti palcoscenici italiani.

Ma che cosa è la Confraternita della trippa – Attiva da qualche anno la Confraternita si ispira alle esperienze francesi di origine medievale che avevano come fine quello di valorizzare le produzioni locali. Come dice il nome in questo caso l’oggetto di impegno della Confraternita è proprio la trippa che negli appuntamenti conviviali viene cucinata seguendo sia ricette tradizionali che innovative. Ne fanno parte tanti maremmani che rimangono comunque “top secret” così come il rituale, l’inno, lo statuto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.