Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Porto di Scarlino, tre lavoratori licenziati, Stella e Benini: «Atteggiamento autoritario inaccettabile»

SCARLINO – “Ancora una volta sono i lavoratori a pagare in termini di posti di lavoro, al momento tre, e di dignità le scelte unilaterali dei vertici aziendali e societari del porto di Scarlino senza nessun confronto trasparente tra le parti con il tentativo di scardinare i rapporti con i rappresentanti dei lavoratori e con il territorio – così inizia il sindaco di Scarlino Marcello Stella, e continua – atteggiamenti questi inaccettabili che, oltre che per i modi autoritari messi in atto, non portano certo effetti positivi nell’organizzazione del lavoro, nell’erogazione di servizi di qualità, e portano certamente un grave danno all’immagine e alla credibilità, faticosamente costruita negli anni”.

“La solidarietà dovuta verso quei lavoratori che sono stati ingiustamente colpiti dai licenziamenti non basta più, dobbiamo tutti assieme e ognuno per il proprio ruolo, far fronte comune per la difesa dei posti di lavoro e dei loro diritti con la richiesta del ritiro dei licenziamenti e l’apertura di un confronto trasparente tra le parti. Il porto di Scarlino era nato con il principale scopo di valorizzare il territorio e di essere un volano per l’occupazione e ancor di più deve esserlo oggi. Purtroppo invece ci siamo trovati spesso di fronte a scelte scriteriate mirate esclusivamente ad abbattere i costi fissi e altre azioni sempre penalizzanti per i lavoratori scaricando su di loro ingiustamente anche le responsabilità del concessionario e del gestore”.

“Ritengo inaccettabile – conclude il sindaco di Follonica Andrea Benini – che siano sempre e solo i lavoratori a pagare la cattiva capacità di pianificazione e assenza di strategia; sconta questa incapacità sempre l’anello più debole, peraltro con modalità brutali che non possono essere minimamente accettate. Le nostre amministrazioni saranno vicini ai dipendenti, lo sono state alcuni anni fa e continueranno a farlo in queste ore e in questi giorni, con tutte le azioni necessarie. E’ necessaria l’apertura di un tavolo di confronto, e il ritiro dei licenziamenti da parte della società”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.