Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

300 studenti sull’Ombrone per fare rafting: ecco il progetto di Comune e Terramare

GROSSETO – Anche quest’anno il Comune di Grosseto investe sulla valorizzazione del fiume: riparte il progetto “Verso il contratto di fiume Ombrone” in collaborazione con l’associazione Terramare e Uisp. Lo scopo è quello di promuovere la conoscenza del territorio e del corso d’acqua che lo attraversa soprattutto tra i più giovani.

“Le realtà fluviali sono spesso tanto sconosciute quanto affascinanti – commenta il vice sindaco Luca Agresti –: l’Ombrone è una parte importante del nostro territorio ma non lo si vive abbastanza. É necessario invertire la tendenza che vede il fiume come un pericolo e non come una risorsa su molti fronti, in primis quello turistico. Rinnoviamo questo progetto perché i più giovani possano essere più consapevoli di ciò che il territorio offre, dargli il giusto valore e, grazie alla competenza dei professionisti di Terramare, conoscerne le caratteristiche e i rischi che può comportare, sia per l’uomo che per l’ambiente. Allo stesso tempo, possono avvicinarsi ad uno sport poco praticato come il rafting: un progetto che fa crescere i nostri ragazzi sotto molti punti di vista”

Il percorso per le scuole comprende una lezione teorica su come si formano i fiumi, quali sono le caratteristiche della vegetazione tipica, come agisce l’erosione, quali sono i fattori inquinanti e delle importanti linee guida su come comportarsi in caso di alluvione. Un modo per avvicinarsi alla realtà fluviale e conoscerne le buone pratiche per la valorizzazione come, ad esempio, il contratto di fiume: uno strumento di programmazione strategica che promuove la tutela, la corretta gestione delle risorse idriche e la valorizzazione dei territori fluviali unitamente alla salvaguardia dal rischio idrico, contribuendo allo sviluppo locale.

Alla teoria si affianca la pratica con una mattina di soft rafting sul fiume: i ragazzi, accompagnati dagli insegnanti, si cimentano nello sport fluviale per eccellenza e in un’escursione nell’area di golena dell’Ombrone.

“I ragazzi hanno potuto scoprire un angolo del proprio territorio, a due passi da Grosseto, dove divertirsi, praticare sport e, allo stesso tempo, capire la storia che lega la citta’ al fiume Ombrone – commenta Maurizio Zaccherotti, presidente di Terramare –. Tra i primi obiettivi del contratto di fiume vi e’ infatti quello di educare le persone, in particolare le nuove generazioni, alla conoscenza del fiume come elemento da valorizzare, tutelare e allo stesso tempo monitorare per mantenere alti i livelli di sicurezza. Dobbiamo uscire dalla dinamica che vi sono solo gli enti preposti a sviluppare le operazioni di tutela e controllo: ogni cittadino deve essere responsabile e tutti possono diventare sentinelle del territorio, in questo caso del fiume che altrimenti verrebbe abbandonato. Come Uisp e Terramare stiamo investendo molto sul tema del Contratto di fiume, dello sport legato all’ambiente e alla cultura di una civiltà che fonda le sue radici sul rispetto, la legalità, l’integrazione e la sicurezza”.

Nel 2017 circa 300 alunni hanno preso parte al progetto: sei classi dell’Isis Fossombroni, quattro del Liceo scientifico Marconi e due della scuola media Vico. Per il 2018, il progetto si svilupperà per passare dalla conoscenza del fiume Ombrone al suo monitoraggio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.