Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Cisl a confronto con i candidati per un nuovo modello di sviluppo

GROSSETO – Infrastrutture, sicurezza, sviluppo del polo industriale, sostegno al turismo e al terziario, equità fiscale: questi temi affrontanti nel dibattito promosso dalla Cisl territoriale con i candidati al parlamento della provincia.

“Miglioramento delle infrastrutture, con l’adeguamento della statale Aurelia, della viabilità interna e il completamento della Due Mari, certezze sul comparto industriale e soluzione delle problematiche ambientali, soprattutto quelle legate al Polo chimico dell’area di Scarlino, sostegno al settore artigianale e agroalimentare del territorio – illustra la Cisl – e ancora destagionalizzazione del turismo, potenziale punto di forza della provincia di Grosseto, attenzione alla sicurezza, con adeguate dotazioni economiche e di personale per le forze dell’ordine e i vigili del fuoco, lotta al caporalato e riforma del sistema fiscale, la vera riforma sociale da attuare. Sono questi i temi su cui abbiamo interrogato i candidati al Parlamento”.

Presenti in sala Leonardo Marras candidato al collegio uninominale per il Partito democratico, Caterina Orlandi del Movimento 5 Stelle, Gianni Chelini capolista per Più Europa, Mario Lolini candidato del Centro destra, e Stefano Mugnani capolista per Forza Italia.

“Abbiamo voluto offrire degli spunti di riflessione ai candidati, per far sì che nel loro impegno in Parlamento venga garantito il pieno sviluppo e il rispetto della dignità di ogni persona, con un’attenzione particolare per le tematiche di interesse del nostro territorio” – ha spiegato Fabrizio Milani, segretario generale di Cisl Grosseto.

“La nostra provincia – conclude – è da troppo tempo dimenticata e sta pagando le conseguenze di una crisi economica che nel nostro territorio è arrivata in ritardo. Riflettere sul tema del lavoro oggi è fondamentale per la vita dei singoli e della comunità, perché il lavoro è il mezzo attraverso cui si sviluppa la libertà di ogni persona”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.