Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pinete sotto attacco, pronto il protocollo antincendi. Sarà approvato a marzo

GROSSETO – Costruire un protocollo di comportamento che porti alla salvaguardia e alla conservazione delle pinete, questo l’obiettivo di “Le pinete litoranee: costo o risorsa”, il convegno promosso dalla Pro Loco di Marina di Grosseto e Principina a Mare che si terrà venerdì 2 marzo, dalle 14 e 30, all’Hotel Terme Marine Leopoldo II°.

L’iniziativa è una giornata di studio, patrocinata dal Comune di Grosseto, organizzata dalla Pro Loco, in collaborazione con l’Accademia dei Georgofili, sezione centro ovest e con il dipartimento di scienze agrarie, alimentari e agro-ambientali dell’Università di Pisa.

A introdurre la presentazione del convegno è stato l’assessore Riccardo Megale, presente per l’amministrazione insieme all’assessore Fausto Turbanti “Ringraziamo la Pro Loco per aver promosso l’iniziativa – dice Megale – volta ad aprire un dibattito sul destino delle pinete, sotto la lente di ingrandimento dopo i violenti incendi della scorsa estate, in conseguenza dei quali la Regione ha prodotto un protocollo di prevenzione incendi, che verrà approvato a fine mese”.

E’ necessario discutere del destino delle pinete in quanto ambiente precario, sotto attacco da più parti, perché agli incendi si aggiungono gli insetti e si potrebbe prefigurare anche la progressiva sostituzione del pino con altre piante, ma, per il momento, le istituzioni puntano a prevenire i roghi “A fine marzo il protocollo sarà approvato – prosegue Megale – successivamente sarà assunto come prescrittivo e poi finanziato. La prossima estate ancora saremo al contenimento dei fenomeni, qualora si presentassero, dall’autunno, poi, verrà messo in pratica l’intervento massiccio di misure volte alla prevenzione”.

Loretta Teresini, imprendritrice floro-vivaistica colpita direttamente dagli incendi e referente della Pro Loco per l’iniziativa, ha parlato delle pinete come un patrimonio irrinunciabile “In relazione al protocollo regionale di prevenzione – sottolinea – dobbiamo uscire dal convegno con un protocollo di comportamento e gestione tra i tanti privati che sono proprietari del 90% delle pinete tra Marina e Principina, per evitare che si ripetano episodi come quelli della scorsa estate, che hanno messo a rischio persone e attività economiche, e finalizzato alla salvaguardia di un patrimonio naturale irrinunciabile”.

Anche Benvenuto Spargi, esperto del territorio, sottolinea l’importanza di un indirizzo per la gestione “Il dibattito – afferma – deve essere un momento formativo, ma anche di confronto tra i cittadini delle due aree e i proprietari, dal quale emerga un indirizzo gestionale delle pinete, fondamentale per le scelte future. La situazione attuale è ormai diventata ingestibile”.

Di pinete come volano di turismo parla il professor Amedeo Alpi, presidente della sezione centro ovest dell’Accademia dei Georgofili, che ha curato la parte scientifica del convegno “E’ innegabile che la pineta – illustra – abbia avuto un impatto fondamentale sullo sviluppo turistico di Marina e Principina, in quanto le case sono state vendute come residenze nel verde. Vero che i pini hanno molti problemi e sono sotto attacco da molteplici agenti infestanti, questo non significa che una sostituzione della pianta sia la soluzione, per questo è necessario un confronto a tutto campo”.

Al convegno interverranno numerosi professori universitari provenienti da tutta Italia “Il nostro compito – conclude il presidente della Pro Loco, Maurizio Biancotti – è promuovere dibattiti e incontri che forniscano gli strumenti per la soluzione dei problemi, la scelta è di chi vive il territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.