Quantcast

Nuove cucine all’alberghiero: con 350 mila euro il sogno degli studenti diventa realtà fotogallery

ORBETELLO – Sono state inaugurate oggi le nuove cucine e le nuove sale dell’alberghiero Raffaele Del Rosso che, secondo l’amministrazione comunale, rendono la scuola un’eccellenza del territorio.

Si è tenuta oggi l’inaugurazione delle nuove sale dell’alberghiero. Presenti il sindaco di Orbetello Andrea Casamenti, il sindaco di Grosseto e presidente della Provincia Antonfrancesco Vivarelli Colonna, l’assessore ai Lavori Pubblici Roberto Berardi, l’assessore Maddalena Ottali e il vice sindaco Chiara Piccini.
«Una grande soddisfazione sicuramente – commenta Casamenti – siamo riusciti a portare a termine un progetto così importante in pochissimi mesi. Ringrazio il sindaco Vivarelli Colonna per aver partecipato e l’assessore Berardi che ha seguito da vicino tutto il progetto. Grazie alle nuove cucine l’alberghiero, Orbetello può vantare uno dei migliori impianti presenti nel territorio, diventando così un’eccellenza nel suo genere. Sono molto contento soprattutto per i ragazzi.»

Le nuove cucine sono state posizionate dove prima si trovavano le classi delle elementari, mentre il salone centrale sarà destinato alla sala ricevimenti.
Il costo dell’operazione si aggira intorno ai 350 mila euro, che hanno permesso la ristrutturazione dello stabile e l’acquisto di attrezzature di altissima qualità.

«Oggi abbiamo realizzato un sogno – commenta Berardi – abbiamo sempre creduto fortemente in questo progetto così importante per la formazione dei ragazzi. Finalmente lo vediamo concluso. Siamo davvero soddisfatti»

Alla fine della presentazione è stato servito un buffet preparato dagli alunni della scuola.
«E’ un grande piacere per me essere qui con il grande sindaco di Orbetello Andrea Casamenti – conclude il presidente Vivarelli Colonna – Oggi assistiamo al raggiungimento di un altro grande obiettivo da parte della giunta comunale. Vi faccio i miei più grandi complimenti e auguri»

Le cucine saranno operative da subito.

Commenti