Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Immigrati, Rossi all’attacco: «Così non va bene, sistema accoglienza ha fallito»

GROSSETO – Il partito Fratelli d’Italia tramite Fabrizio Rossi candidato al Senato, listino proporzionale nel Collegio Toscana 2, denuncia la situazione diventata insostenibile riguardante gli immigrati. Fabrizio Rossi dichiara: “Nelle nostre realtà della Toscana e in Maremma in particolare, le falle di questo sistema, che il partito Fratelli d’Italia in anni di opposizione ha sempre denunciato, stanno venendo a galla. In questi anni abbiamo denunciato in Palamento questa gravissima problematica con interrogazioni e mozioni in più di un’occasione. Subito dopo la tragedia di Lampedusa del 2013, con l’operazione “Mare Nostrum” e successivamente con “Triton”, sollecitammo il Governo a dichiarare guerra agli scafisti e al traffico degli esseri umani”.

Continua Fabrizio Rossi riprendendo una dichiarazione di Fabio Rampelli, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera dei Deputati rilasciata due settimane fa: “Fratelli d’Italia nell’occasione della tragedia di Lampedusa fu tacciata di disumanità e di razzismo. Oggi i fatti, con il PD in testa, ci danno ragione. Peccato però che nelle finanziarie dei governi Renzi e Gentiloni sono stati buttati quasi dieci miliardi di euro per il sistema di accoglienza. Finalmente si chiude così il cerchio di anni di demagogia sulla pelle dei migranti e degli italiani”.

Fabrizio Rossi inoltre dichiara: “Proprio alcuni giorni fa, a inizio della mia campagna elettorale ho toccato con mano la situazione immigrati nel nostro territorio. Con Giovanni Donzelli, l’altro candidato Toscano alla Camera per Fratelli d’Italia, abbiamo provato a visitare assieme il centro di prima accoglienza gestito da una cooperativa situato alla periferia nord di Follonica nel grossetano senza però riuscirci. Ci hanno impedito di entrare perché non avevamo richiesto preventivamente un permesso. Quindi siamo rimasti fuori, davanti al cancello d’ingresso per alcuni minuti e abbiamo assistito ad un via vai continuo di migranti che entravano e uscivano indisturbati. In quel Centro abbiamo poi scoperto che ci sono oltre 250 profughi, che noi cittadini e contribuenti con i nostri soldi manteniamo, ingrassando i conti delle cooperative che li gestiscono”.

“Persone – continua Fabrizio Rossi – che il governo di sinistra ha accolto in questi centri. Solo nella nostra provincia se ne contano a decine. Migranti che di fatto non fanno nulla tutto il giorno, o meglio essendo liberi di uscire e privi di ogni controllo, spesso e volentieri si recano nelle nostre città a compiere reati di ogni tipo. Dai piccoli furti, scippi, spaccio di stupefacenti, fino ad arrivare anche a reati molto più gravi che tutti noi purtroppo conosciamo attraverso le cronache. Di fatto, questi individui, privano spesso e volentieri della tranquillità, della serenità e soprattutto della sicurezza dei nostri cittadini italiani, costringendoci a vivere nella paura e nel terrore. Tantissime persone ad esempio hanno paura di uscire non solo la sera, ma anche di giorno per le vie della città”.

Conclude Fabrizio Rossi: “Questo non può più essere accettato e tollerato, le nostre città e i nostri concittadini hanno il diritto di essere tranquilli e di vivere in un clima sereno, e non con la paura e il terrore. E’ ora di dire basta a questo tipo di andazzo, c’è bisogno che sia ripristinata la legalità e la certezza della pena per chi delinque. Chi non è degno di stare in Italia è giusto che sia immediatamente espulso e rimandato nel proprio Paese d’origine”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.