Niente caos nella gestione dei migranti, ma collaborazione per l’integrazione

CINIGIANO – “La gestione dell’accoglienza dei richiedenti asilo e protezione internazionale è stata fin dall’inizio improntata alla collaborazione e al dialogo con il territorio, soprattutto in riferimento alla dimensione lavorativa”. Così Francesca Bianchi, vicesindaco e assessore alle politiche sociali risponde al quesito posto dal gruppo consiliare di opposizione “Gente Comune”.

La reazione dell’Amministrazione arriva dopo le dichiarazioni pubbliche del capogruppo Giovanni Barbagli e la presentazione di un’interrogazione dell’opposizione che denuncia una situazione insostenibile nella gestione dei migranti ospitati nel Comune di Cinigiano.

“Come molti hanno avuto modo di osservare – dichiara il vicesindaco Francesca Bianchi – in tutti questi anni gestori e attori pubblici e privati del territorio hanno creato insieme le condizioni per una effettiva integrazione delle persone ospitate a Monticello. Oggi molti di questi migranti sono impiegati nel settore agricolo e forestale. Il Comune ha aderito allo Sprar perché fermamente convinto della necessità di lavorare su servizi di accoglienza, in modo trasparente ed efficace con l’obiettivo di favorire l’integrazione. L’avvio dello Sprar è previsto per i mesi prossimi e in questa fase saranno fatte e comunicate alla Prefettura tutte le dovute valutazioni”.

“Barbagli strumentalizza la gestione dei migranti piegandola ai propri fini politici e autoreferenziali – prosegue Francesca Bianchi – parla di un caos che non esiste, parla di cose che non conosce senza aver fatto prima le opportune verifiche, costringendo l’amministrazione comunale a una replica punto per punto”

I punti:
– I requisisti strutturali per l’accoglienza degli anziani e dei richiedenti asilo sono differenti e fanno riferimento a norme diverse; ciò determina una diversa capacità ricettiva massima della struttura Casa Sollievo.
– Nella struttura di Monticello non sono mai stati accolti 30 migranti come sostiene il gruppo consiliare: attualmente sono presenti 20 ospiti come da accordo formale con la Prefettura; dall’avvio della gestione si sono avuti solo due casi in cui sono stati collocati nella struttura 22 ospiti, questo è avvenuto per emergenza, per un breve periodo e su richiesta della Prefettura.
– Le comunicazioni relative alla presenza di ospiti in struttura sono costantemente e tempestivamente inviate alla stazione dei Carabinieri di Cinigiano;
– Nel caso in cui un ospite della struttura si allontani dal territorio o sia trasferito, la cooperativa provvede alla richiesta di cancellazione dalla convivenza anagrafica. Ed è nostra cura verificare la situazione presso gli uffici competenti per poi darne conto al Consiglio comunale;
– Il numero che riporta Barbagli (2,5 ogni 1000 abitanti) non è veritiero, perché lo Sprar indica un rapporto di 6 ogni 1000 abitanti. Questo significa che a Cinigiano toccherebbero 12 migranti, ma ne teniamo 20 autorizzati dalla Prefettura, perchè non creano problemi e perchè è previsto dallo stesso sistema di solidarietà tra Comuni dentro lo Sprar, che si basa sull’accoglienza diffusa ed equilibrata con i territori di riferimento.

“I migranti accolti a Cinigiano – conclude il vicesindaco – sono impegnati in lavori socialmente utili come volontari, e ad oggi, non ci sono segnalazioni da parte degli abitanti su problemi di convivenza”.

Commenti