Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Assise generali di Confindustria, la Maremma in sintonia con il quadro nazionale

Più informazioni su

GROSSETO – Si sono appena concluse a Verona le Assise generali 2018 di Confindustria, una giornata che ha visto la mobilitazione dell’intero sistema confindustriale italiano per creare un momento di confronto su tematiche politico-economiche di interesse nazionale.
Le Assise generali di Confindustria rappresentano un’occasione unica di incontro e di riflessione, durante la quale gli imprenditori associati al sistema sono chiamati a presentare in prima persona proposte concrete di sviluppo economico. Le Assise sono fondamentali affinché tutto il sistema associativo riesca a raggiungere una visione completa, realistica e lungimirante della situazione del nostro Paese.

Nell’arco degli incontri di oggi, si sono definite le priorità da porre all’interno dell’agenda politica nazionale per la crescita delle aziende e per realizzare un duraturo progetto di sviluppo, di crescita e di occupazione. Questa mattina si sono aperti i lavori con l’avvio di numerosi tavoli dedicati a tematiche come formazione, lavoro, inclusione dei giovani, sostenibilità, investimenti, fisco, Europa e prospettive globali.

Nel pomeriggio si è svolta la sessione plenaria, moderata dalla giornalista e scrittrice Maria Latella, durante la quale si sono tenuti gli interventi di Manuel Josè Barroso, già Primo Ministro del Portogallo e Presidente della Commissione Europea, e di Marc Lazar, Presidente della LUISS School of Government.
Al termine dei lavori ha preso la parola il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, che ha ricordato tre vere e proprie missioni-Paese, e cioè più lavoro, più crescita e meno debito pubblico, da attuare a partire dalle azioni presentate durante le Assise e ricordando come per fare ciò sia necessaria l’azione congiunta delle imprese, dell’Europa e della politica italiana.

Sulla stessa linea il commento del Presidente di Confindustria Toscana Sud Paolo Campinoti: “Noi come Confindustria non proponiamo idee irrealizzabili, ma obiettivi credibili, basati su una serie di azioni finalizzate a generare risorse, che serviranno per finanziare investimenti in infrastrutture, capitale umano e ricerca, per premiare le imprese che creano lavoro, si innovano e vanno nel mondo e per rendere più semplice ed efficiente la mano pubblica. Non chiediamo più spesa pubblica, ma spesa migliore: proponiamo un metodo che parta da obiettivi credibili e che agisca in un’ottica di politica economica unitaria del Paese. E per fare questo, c’è bisogno dell’azione congiunta delle imprese, che devono accelerare il cambiamento e diventare sempre più in grado di cogliere le opportunità della domanda mondiale, dell’Europa, che deve svolgere la funzione di motore di crescita economica, e della politica italiana, che deve creare le condizioni migliori per gli investimenti, la crescita e la riduzione del debito.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.