Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Negozi chiusi a carnevale. I commercianti “Vogliamo goderci la festa, nonostante la crisi”

ORBETELLO – “C’è crisi e la sentiamo tutto l’anno, ma l’inverno sarebbe veramente troppo lungo senza il Carnevaletto” A parlare sono alcuni commercianti del centro storico che amano il Carnevaletto e le domeniche di febbraio scelgono di chiudere per potersi godere la festa.

“Non saranno certo le tre domeniche di carnevale a far crollare la nostra economia – racconta il titolare di un negozio di abbigliamento – la crisi dura tutta l’anno e forse non era mai stata così galoppante, l’inverno è una stagione dura dal punto di vista degli affari, ma non è certamente colpa del carnevale che, anzi, porta movimento, se non altro per una gran parte di negozi di Corso Italia”.

Le attività che traggono maggiore beneficio sono, ovviamente, bar, tabaccherie, ristoranti, che con il carnevale hanno una forte spinta degli affari, non va così bene ai commercianti di altri settori che, però, non percepiscono la manifestazione come causa dei loro mali “Questa critica al carnevale è ormai vecchissima e come non aveva fondamento prima, non ce l’ha di certo adesso – dicono i titolari di un negozio di calzature – noi, ad esempio, stiamo aperti tutto l’anno, anche le domeniche e il carnevale diventa uno spunto per riposare e divertirci. A Orbetello la crisi c’è, come un po’ dappertutto, non saranno di certo tre domeniche a penalizzare davvero la nostra economia, ancor di più, se si pensa che la grande maggioranza di chi viene, lo fa soprattutto per la manifestazione”.

Il carnevale è da sempre motivo di divergenze nel paese e ognuno lo vive dal suo punto di vista. Quello che accomuna tutti, però, è la volontà di migliorare anche cambiando qualcosa, ma di continuare a puntare su questa bella manifestazione “L’inverno senza carnevale sembra lunghissimo – conclude ha vissuto con malinconia la mancanza del Carnevaletto, pur vivendo di quel commercio che non ha ritorni immediati dalla manifestazione – ci abbiamo messo molto a far ripartire questa festa simbolo del paese, ora è il momento di continuare a crederci e a migliorare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.