Distretto rurale, Marras: «Grosseto sarà la capitale del distretto del cibo» fotogallery

FOLLONICA – Primo appuntamento della campagna elettorale di Leonardo Marras, candidato alla Camera dei Deputati nel collegio 14: si parte da Follonica, dai Mollica’s, un luogo simbolo per parlare di cibo, di distretto agroalimentare e del progetto nazionale di distretto del cibo. Un esempio di idea moderna di impresa che offre interessanti spunti di riflessione sulle nuove forme di lavoro e sulle capacità dei Governi di dare risposte adeguate a questa rapida evoluzione.

“I Mollica’s sono un esempio. – afferma Leonardo Marras –  In questa brevissima campagna elettorale è necessario raccontare la nostra idea di futuro attraverso delle esemplificazioni. Per questo sono partito in mezzo ai capannoni artigianali di Follonica, dove due giovani sostano con il loro apecar attrezzato e offrono del buon cibo a chi lavora nella zona. I Mollica’s realizzano un’idea d’impresa nuova offrendo un percorso nella gastronomia tipica toscana. Prendo spunto da loro per affrontare un tema centrale del nostro Paese: il lavoro, le opportunità e le nuove forme di occupazione. A Follonica i Mollica’s sono a due passi da un polo industriale, ai bordi di una città che è nata dai redditi di quella che si chiamava classe operaia, figlia dei minatori e dei chimici, vicinissimi a Piombino, dove ancora oggi si cerca di far ripartire la siderurgia”.

“È questa coincidenza che è importante leggere: oggi si devono dare risposte ai vecchi e ai nuovi lavori. Le partite IVA, ad esempio, non possono essere invisibili, sono un bacino di competenze e di idee, di capacità  e coraggio. Il Governo, nella legge di bilancio, ha iniziato a offrire risposte ma ne servono altre e più evolute. Il mondo del lavoro nuovo vuole un sistema capace di trovare soluzioni ai problemi in maniera dinamica e alla velocità imposta da un mercato che si rinnova continuamente”.

“L’area di Follonica, Piombino e le Colline Metallifere in generale, sono anch’esse un esempio. Pensare di concentrare le prospettive esclusivamente sul turismo e sul relativo indotto è un’astrazione e un errore. Il futuro ha bisogno di tenere insieme molte opportunità in cui gli equilibri sociali siano basati su diverse forme di lavoro perché l’incontro tra la diversità dei lavori garantisce una ricchezza più stabile e uno scambio vitale tra competenze. Nostro compito e impegno è difendere il cuore produttivo e liberare le idee dei giovani rendendo semplici le opportunità di impresa in tutti i settori, dal primario al terziario”.

Sempre per parlare di cibo Marras è stato ospite del caseificio Ranieri, sempre a Follonica.

Il distretto agroalimentare e del cibo

Il distretto nasce qui, in Maremma. Nel 1996 Alessandro Pacciani, allora assessore all’agricoltura della Provincia di Grosseto, propose un progetto di distretto rurale della Maremma durante un convegno intitolato La terra promessa. Da allora molto tempo è trascorso, ma l’impulso del ’96 ha fatto sviluppare nove DOC e DOCG nel settore vitivinicolo, una IGP nell’olio, e produzioni di elevatissima qualità in tutto il territorio. Il Distretto agroalimentare della Toscana del sud, da noi seguito e sostenuto, ha forti radici in quell’idea. E’ un progetto fatto d’imprenditori agricoli qualificati e di prodotti eccellenti. “Grosseto e la Maremma sono stati i primi a tracciare questa strada – afferma Leonardo Marras – e per questo Grosseto si deve candidate ad essere leader del distretto agroalimentare. La Fabbrica Maremma a cui pensiamo è per sua natura complessa e dovrà saper contenere la chimica e la siderurgia, il turismo e l’agroindustria, rispettando la terra che la ospita.”

Sul distretto rurale il candidato Luca Sani afferma: “Ci abbiamo lavorato tanto, era tanto che volevamo farlo: la Maremma sta cambiando volto, non è più amara, ma un luogo dove al gente vuole venire in vacanza. Grazie ad Expo è anche cambiato il rapporto con il cibo della gente. la sostenibilità, come modello di sviluppo, può essere il tratto distintivo per la nostra terra. I candidati locali devono avere un’idea una visione di dove vogliono portare il territorio. Abbiamo portato un’idea della multifunzionalità dell’agricoltura nelle politiche nazionali: in parte ci siamo riusciti ma il cammino è arrivato a metà. Il Pd questo paese lo sta portando fuori dalla crisi: ritornare indietro significa riportare il paese in quel baratro da cui lo abbiamo tolto».

Antonella Goretti, anche lei candidata alla camera nel listino proporzionale come Sani ricorda: «Quando ho iniziato a lavorare porta a porta: in questa campagna elettorale voglio tornare a fare questo, stare in strada, tra la gente e “vendere” il Pd, un partito che in questi momenti ha dato certezze e fatti concreti e io alla gente voglio raccontarlo».

Commenti