Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scarlino Energia, Fazzi: «Non è la class action ad impedire la ripresa dell’attività»

Più informazioni su

FOLLONICA – «I consulenti della Class Action, diversamente da come scrive Scarlino Energia, nelle loro analisi non hanno mai utilizzato dati geometrici dei forni diversi da quelli forniti dalla Scarlino Energia». A rispondere alla Scarlino Energia è l’avvocato Roberto Fazzi.

«L’opportunità di fare eseguire misure è derivata dalla presenza di incongruenze nelle misure dei diametri dei forni nei disegni presentati dalla Scarlino Energia nell’ambito della richiesta di AIA 2012 e 2015 e quelli presentati nell’ambito della Class Action – prosegue Fazzi -. I consulenti contestano tutt’ora la validità del processo di combustione in quanto tale, tanto che i CTU, prima di pronunciarsi definitivamente sulla conformità dei forni alle norme di legge hanno richiesto il modello fluidodinamico dei fumi all’interno della zona di combustione. I consulenti non hanno giudizi prevenuti, ma cercano di capire perché mai i forni dell’impianto della Scarlino Energia nell’esercizio 2013-2014 hanno avuto così tante e così inusuali fermate, e come mai nei fanghi si trovano fino a 800 nanogrammi di diossine e perché il limite di tossicità acuta dei reflui scaricati nel Canale Solmine è praticamente pari ai limiti di Legge».

«Quanto alle dichiarazioni che la class action impedisce la ripresa dell’attività in danno ai lavoratori, preme sottolineare che se la Scarlino Energia avesse voluto mettere in servizio l’inceneritore avrebbe potuto ben farlo, avendo in mano un’autorizzazione fin dall’ottobre 2015 e che è stata annullata dal TAR a giugno 2017 e cioè da un procedimento amministrativo che niente ha a che fare con la class action. Infine non si può non notare che questo impianto ha una ben bassa efficienza di conversione in energia elettrica dell’energia termica da incenerimento». Conclude Fazzi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.