Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nei paesi e in campagna servono servizi e reddito: ecco le proposte del Pd

Più informazioni su

GROSSETO – «Negli ultimi decenni, nel territorio della nostra provincia e non solo, abbiamo assistito a un declino demografico dei paesi e dei territori rurali, soprattutto nelle zone montane e collinari. Nonostante recentemente siano state varate misure come la legge salva borghi (la n.158 del 6 Ottobre 2017), molto ancora si può e si deve fare per ovviare a questo problema. I nostri paesi e le campagne circostanti sono una cornice unica della nostra regione e l’abbandono di questi territori, oltre a rappresentare la perdita della diligente opera di custodia che l’uomo ha da sempre fatto, provoca gravi ripercussioni anche nei territori a valle, soprattutto in riferimento al consumo di suolo e al dissesto idrogeologico». Si legge nella nota di Fausto Bandinelli, responsabile agricoltura della segreteria provinciale di Grosseto del Partito Democratico.

«La centralità del problema risiede in due fattori preponderanti: la perdita di reddito delle realtà agricole e il diminuire dei servizi. Nelle pendici del Monte Amiata ed in tutte le zone collinari dell’entroterra grossetano, le realtà agricole si sono da sempre basate in particolar modo sull’allevamento di animali da reddito come gli ovini e in misura minore i bovini. Da alcuni decenni ad oggi, tali attività economiche sono state messe a dura prova, tra le altre cose, dalla stagnazione dei prezzi del latte e della carne, problematica particolarmente sentita dagli allevatori».

«A questo si aggiunge il taglio dei servizi presenti, come la chiusura degli uffici postali, dei presidi ospedalieri periferici, di caserme dei Carabinieri e una diminuzione del trasporto pubblico locale. La mancanza di connessioni internet veloci, inoltre, penalizza anche le realtà economiche che ancora resistono. La nostra attività politica, pertanto, deve essere volta a invertire questa tendenza. La mappatura GPS delle unità poderali (da rendere disponibile a tutti gli enti predisposti all’ordine pubblico ed al soccorso) e il sostegno alle attività commerciali anche ambulanti presenti nei territori possono, ad esempio, potrebbero notevolmente aumentare le reali possibilità di ripopolamento di questi luoghi, contribuendo al contempo a far diminuire l’antropizzazione delle zone pianeggianti».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.