Anche Virciglio contrario al maxi distretto: «Usciamo dal Coeso»

GROSSETO – «Un distretto così grande con la creazione di maxi aree disomogenee per popolazione e necessità di servizi finirà per penalizzare i servizi e cresceranno burocrazia e spese per la struttura creando un ennesimo carrozzone costoso e scarsamente produttivo in cui gli unici a rimetterci sono e saranno gli utenti in difficoltà che vivono grazie a quei servizi fondamentali». Inizia così la nota del consigliere comunale ed esponente del Movimento Nazionale per la Sovranità Pasquale Virciglio.

«A proposito di disomogeneità penso ad esempio a Grosseto comune capoluogo che al netto del circa 30% di quote ricevute e relativa importante quota economica versata non ha la certezza della presidenza ( cosa che dovremmo pretendere) del consorzio e vede inoltre vana la possibilità di incidere nelle decisioni in seno alla giunta esecutiva».

«Questo perché anche se avesse la maggioranza assoluta potrebbe non incidere per l’eventuale veto del “doppio cappello” tecnicismo della doppia maggioranza, una per quote ed una per ogni singolo Comune, che potrebbe bloccare  qualunque iniziativa  lasciando di fatto le decisioni ai dirigenti politicizzati.  I Comuni più grandi  pur avendo  la maggioranza possono essere bloccati da alcuni  piccoli Comuni in una diatriba politica in cui a rimetterci saranno i servizi e quindi i cittadini”».

«Infine  politicamente disapproviamo la non attinenza, in alcuni bandi di evidenza, alla finalità primaria della sds che dovrebbe essere la salvaguardia degli aspetti socio assistenziali dei cittadini per i quali i comuni pagano un contributo. invece notiamo e contestiamo la spesa di denari ad esempio per bandi per la gestione delle comunicazioni esterne dato a figure terze (piuttosto che utilizzare personale interno)  ed ancora più lontano dai nostri principi la promozione della memoria dei migranti e l’accoglienza stessa dei migranti attività che costano denaro dei cittadini e di cui non beneficiano gli stessi ma cittadini stranieri. Questi soldi sarebbe stato meglio spenderli in progetti di salvaguardia sociale per i nostri concittadini sempre di più in difficoltà. Grosseto ed il sindaco Vivarelli Colonna devono avere un ruolo primario nelle iniziative del coeso ad iniziare dalla presidenza fino a giungere alle politiche  di intervento socio assistenziali di salvaguardia delle categorie più deboli. In caso contrario riteniamo utile valutare l’opportunità di uscire dalla società della salute stessa».

Commenti