Quantcast

Trasporti ferroviari, M5S: «Rifiutiamo una Toscana a due velocità: i pendolari vengano al tavolo di discussione in Regione»

FOLLONICA – «Il trasporto ferroviario come altri settori della costa e del sud della Regione Toscana sono totalmente trascurati e dimenticati dalla Regione Toscana e dalla Giunta Rossi». M5S interviene sul tema dei trasporti ferroviari.

«Il Movimento 5 Stelle è già intervenuto sul tema del trasporto ferroviario presentando una mozione, approvata all’unanimità dal consiglio comunale follonichese, volta ad incrementare il numero delle corse e l’ottimizzazione degli orari sulle direttrici Pisa/Livorno/Grosseto e Firenze/Grosseto – prosegue -. La situazione è rimasta invariata, anche se il Governo regionale (PD) si vanta di aver inserito due nuovi treni sulla tratta Firenze/Pisa, lasciando di nuovo a secco la costa sulle medesime direttrici. Questo non ci ferma e attraverso, l’assessore alla mobilità del Comune di Livorno, ed i nostri consiglieri regionali, abbiamo ottenuto l’istituzione di un tavolo di discussione sulle criticità espresse».

«All’incontro con l’assessore regionale Ceccarelli oltre ai sindaci della costa sud è prevista una rappresentanza di tutti quei cittadini che subiscono quotidiane disfunzioni e disagi del servizio. Al fine di poter portare peso nella discussione, chiediamo a tutti gli utenti pendolari e non, interessati per studio, lavoro e turismo che rilevano le problematiche rilevate sopra esposte, di farsi avanti e portare in questo gruppo le loro proposte. Siamo disponibili anche ad organizzare un primo incontro su Follonica cercando di creare rete con le altre località costiere. Il Movimento 5 Stelle di Follonica ritiene fondamentale l’efficientamento e il potenziamento del trasporto pubblico ferroviario per permettere uno sviluppo economico anche ecosostenibile senza tralasciare il sacrosanto diritto di una corretta e legittima fruizione dei servizi pubblici alla stregua del resto della Regione – conclude M5S -, contrastando con forza il progetto di una Toscana a due velocità».

Commenti