Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Salvò la vita a un uomo, piccolo eroe grossetano di 10 anni celebrato per la Festa della Toscana

Più informazioni su

GROSSETO – Civica benemerenza in memoria dello scrittore Carlo Cassola. La Festa della Toscana è stata celebrata così, in Consiglio comunale, giovedì 30 novembre, alla presenza delle autorità.

Il sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna, assieme al presidente dell’assemblea Claudio Cosimo Pacella, ha consegnato nel corso dell’assemblea la pergamena alla famiglia dello scrittore, presente nella sala consiliare.

“Quest’anno ricorre il centenario dalla nascita di Carlo Cassola – ha detto il primo cittadino – il quale ha vissuto per lungo tempo a Grosseto, dove peraltro ha anche ricoperto negli anni 1960-64 la carica di consigliere comunale, svolto attività di insegnante al liceo e composto numerose opere, tutte ambientate nella nostra terra, divulgandone quindi lo spirito e la conoscenza oltre i suoi confini”.

Il Consiglio comunale è stata anche l’occasione per riconoscere la civica benemerenza a un bambino grossetano che ha salvato la vita a un uomo. La proposta è arrivata dai gruppi dell’opposizione consiliare che hanno proposto di premiare Luca Peruzzi Squarcia (10 anni), che il 3 agosto 2017 si è contraddistinto nel salvataggio di un uomo, con il quale si trovava in barca di ritorno da una battuta di pesca all’isola delle formiche: mentre il mezzo procedeva alla velocità di sette nodi, il conducente è caduto in acqua. “Luca, prontamente – si legge nella motivazione – ha dimostrato sangue freddo, ha spento i motori e ha ammarato il tender per raggiungere il suo compagno di viaggio. Questo non prima di aver lanciato due parabordi per salvarlo”.

Il ragazzo ha preso il telefono e ha chiesto aiuto al padre, che ha allertato il proprietario di un’altra imbarcazione che si trovava in quello specchio d’acqua. La cerimonia ha visto la partecipazione del coro-orchestra della scuola secondaria Leonardo Da Vinci, istituto comprensivo 1 “Alberto Manzi”, con tre brani: l’Inno di Mameli, We are the world e Mite terra.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.