Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Giardino Bardini diventa gratis per i grossetani. Nuove opportunità dal primo dicembre

Lo ha deciso il cda della Fondazione Bardini Peyron. Il presidente Jacopo Speranza, ‘’Vogliamo che i cittadini della Toscana si affezionino sempre di più alla bellezza di questo luogo’’

Più informazioni su

 

FIRENZE – Ingresso gratuito al Giardino Bardini (Costa san Giorgio 2 – Tel 055 2638599 – Orario: Villa 10-19; Giardino: 8.30-16.30) per tutti i residenti nella Città metropolitana di Firenze e nelle province di Arezzo e Grosseto a partire da venerdì primo dicembre. Lo ha deciso il cda della Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron che ha in gestione il complesso per conto della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e che ha competenza in queste zone della Toscana. I visitatori residenti nei territori citati devono esibire all’ingresso la carta di identità per poter avere accesso libero allo splendido parco che ha una vista mozzafiato su Firenze.

‘’Dopo aver concesso a tutti l’ingresso gratuito al Giardino e alla Villa la prima domenica di ogni mese – dichiara il presidente della Fondazione Bardini e Peyron Jacopo Speranza – abbiamo deciso di ampliare ulteriormente la fruizione di un luogo così magico. Vogliamo infatti che i cittadini della Toscana si affezionino ad un complesso unico a pochi passi dal centro di Firenze, che agli occhi del visitatore appare sempre diverso in base ai colori e alle fioriture delle stagioni’’.

Il complesso, costituito dalla villa e dal giardino, offre una delle più belle e inedite vedute di Firenze. La villa, nata su un preesistente impianto medievale, fu edificata dall’architetto Gherardo Silvani nel 1641 e, dopo il susseguirsi di una serie di passaggi di proprietà, fu acquistata nel 1913 dall’antiquario Stefano Bardini. Nel 1987 tutto il complesso passò allo Stato che lo ha affidato in concessione nel 1998 all’allora Ente Cassa di Risparmio di Firenze che, dopo un lungo restauro, lo ha riaperto al pubblico: il parco nel 2005 e la villa nel 2007. Il giardino di quattro ettari è ricco di frutteti, giardini di rose, iris, e ortensie e costeggia parte delle mura medievali di Firenze. Si presenta con il bosco all’inglese, la scalinata barocca e il parco agricolo, e si configura come eclettica stratigrafia di usi e gusti, di mode e utilizzi che hanno cavalcato i secoli. E’ arricchito da circa 200 reperti tra statue e vasi, oltre a piccole architetture, fontane e arredi lapidei, oggi tornati al loro antico splendore.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.