Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Life Medwolf, Vivarelli Colonna: «Ringrazio i dipendenti della provincia, con il progetto collaborazione positiva»

GROSSETO – Anche il presidente della Provincia Antonfrancesco Vivarelli Colonna è intervenuto ieri al simposio internazionale dedicato a Life Medwolf, ringraziando i dipendenti della provincia che hanno collaborato al progetto.

«In quest’occasione voglio rivolgere un enorme grazie allo staff della Provincia di Grosseto che, da mesi, sta promuovendo e curando il progetto Life Medwolf, che vuole ridurre il conflitto tra la presenza del lupo e le attività antropiche nelle aree rurali di studio, dove si è persa la tradizione culturale alla coesistenza con il predatore.  Una soluzione deve essere trovata ed è quello per cui mi sono battuto duramente e a più livelli come imprenditore e come rappresentante della categoria, proprio mettendo in campo questo tipi di progetti e denunciando ciò che non va nel rapporto con le istituzioni che dovrebbero mettere a disposizione tutti i provvedimenti del caso, consentendo agli allevatori e agli agricoltori di lavorare e di farlo in sicurezza».

«Life-MedWolf ha un grande merito: per la prima volta vede la collaborazione tra associazioni di categoria che rappresentano il mondo agricolo, associazioni ambientali e ambientaliste, istituzioni e centri di ricerca italiani e portoghesi. Molti di questi soggetti, nonostante siano fortemente interessati all’argomento, finora erano stati messi in secondo piano e addirittura a volte esclusi dal dibattito e dai conseguenti provvedimenti. Grazie quindi anche a tutti gli enti e le realtà che stanno dando il loro importante contributo in termini di impegno, tempo, risorse e mezzi: all’istituto di Ecologia Applicata (capofila), Confagricoltura Grosseto, Coldiretti Grosseto, CIA Grosseto, Circolo Festambiente Rispescia, WWF Italia, Corpo Forestale dello Stato. E anche ai partner esteri, come l’Università di Lisbona, Escola Superior Agraria di Castelo Branco, Istituto di Ricerca Veterinaria e Agronomica, ONG Grupo Lobo, ONG ALDEIA».

1Grazie anche a chi, logisticamente, si è occupato dell’organizzazione di questo evento: occasioni come questa servono a mantenere alta l’attenzione su un problema che coinvolge la nostra popolazione e in particolare gli addetti ai lavori, che si trovano a che fare con la presenza del lupo in Maremma e la coesistenza con le realtà agricole e gli allevamenti della nostra terra. Momenti di riflessione come questi inoltre danno anche l’opportunità di seguire il buon andamento dei progetti, con un continuo monitoraggio dei risultati e delle attività svolte nel corso delle varie fasi di attuazione del progetto Life-Medwolf.  Non sono solo parole, ma numeri e fatti. E la volontà di migliorarsi sempre, perché – come in tutti gli ambiti – ci sono i presupposti per fare sempre meglio».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.