Il Giunco.net - Notizie in tempo reale, news in Maremma di cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tramonto di una Casata: gli Ardengheschi di Civitella, una storia lunga 7 secoli

CIVITELLA MARTTIMA – 700 anni fa, il 4 novembre 1317, con atto stipulato nella chiesa allora intitolata ai SS.Fabiano e Sebastiano, il Comune di Siena prese possesso del castello di Civitella dell’Ardenghesca venduto dal conte Longaruccio di Guido degli Ardengheschi e dal nobile senese Sozzo di Deo Tolomei.

Con lettura di documenti di archivio sarà ripercorsa la strategia di Siena nella sua espansione verso la Maremma che per prima cosa rese necessaria la sottomissione dei nobili e delle comunità del nostro territorio. Attraverso azioni fiscali, militari e perfino giudiziarie furono eliminati i conti Ardengheschi che al tempo si distinguevano in tre rami dal castello principale di loro residenza: i conti di Civitella (dei quali si parlerà nell’evento), di Fornoli e di Pari. La strategia però non sarebbe stata completa senza un controllo efficace della strada del mare. Allo scopo fu realizzato ex-novo il Castelfranco di Paganico (anche di questo si parlerà) per il quale Siena fece grossi e ripetuti investimenti; la storia successiva non ripagherà poi così tanto impegno.

Durante l’evento, arricchito da musica dell’epoca e dalla presenza dei Musici di Paganico, si faranno in particolare rapidi accenni alle condanne comminate ai Conti di Civitella, alle conseguenti loro vendite forzate a Siena, alla sottomissione della comunità di Civitella, fino alle tumultuose vicende con protagonista Longaruccio che portarono alla vendita.

La manifestazione si concluderà con la lettura della “Presa di Possesso” del castello di Civitella, ultima prassi della vendita e perfetto simbolo del tramonto della Casata.

Saranno presenti le associazioni del territorio e importanti rappresentanze delle amministrazioni comunali di Grosseto con il Sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna, di Siena con l’Assessore Paolo Mazzini, di Civitella Paganico con il Sindaco Alessandra Biondi e di Campagnatico con il suo Sindaco Luca Grisanti. Ha annunciato la partecipazione anche il Vicario Generale dell’Arcidiocesi di Siena Mons. Giovanni Soldani. Il signor Questore di Grosseto Domenico Ponziani impossibilitato a partecipare ha inviato un messaggio.

L’evento sarà ricordato sabato prossimo 11 novembre alle ore 11, nella pieve di S.Maria in Montibus di Civitella Marittima nell’ambito della Festa dell’Olio e del Vino novello dell’11-12 novembre 2017, con la consulenza storica e ricerche archivistiche di Gian Paolo Franceschini e la consulenza musicale del maestro Alessio Pagliai .

L’organizzazione è stata curata da Gianfranco Franceschini de “Il Civitellino” in collaborazione con la Parrocchia di Civitella, la Pro Loco di Civitella, il Frantoio delle Colline Ardenghesche e l’Asbuc (Usi Civici) di Civitella Marittima.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Giunco.net, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.